Pagina 2 di 3 PrimaPrima 123 UltimaUltima
Risultati da 11 a 20 di 30

Discussione: Monitoraggio ITCZ 2020

  1. #11
    Brezza tesa L'avatar di HeavyMetal
    Data Registrazione
    19/05/19
    Località
    Roveleto di Cadeo PC 64 metri s.l.m
    Età
    17
    Messaggi
    550
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Monitoraggio ITCZ 2020

    Aggiornamento ITCZ 2 decade di maggio


    Ovest


    Est
    Dolomiti ed Heavy Metal nel cuore 🤘

    "We are Motörhead. And we play rock and roll."

  2. #12
    Burrasca L'avatar di Cristian-Ostuni/Bologna
    Data Registrazione
    04/02/04
    Località
    Ostuni(BR)-Busca(CN)
    Messaggi
    5,119
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Monitoraggio ITCZ 2020

    terza decade di maggio, ancora molto a sud rispetto alla media almeno a ovest. ed ecco che giugno probabilmente sarà per lo più instabile sul Mediterrraneo.
    Monitoraggio ITCZ 2020-itcz.jpg

    Monitoraggio ITCZ 2020-west.gif
    Monitoraggio ITCZ 2020-east.gif
    Cit. dal film Wanted:"... Voi che cazz0 avete fatto ultimamente?"
    Cit. da Colorado: "La neve scende a fiocchi perchè se scendesse a nodi non si scioglierebbe."

    viva la φγα

  3. #13
    Brezza tesa L'avatar di HeavyMetal
    Data Registrazione
    19/05/19
    Località
    Roveleto di Cadeo PC 64 metri s.l.m
    Età
    17
    Messaggi
    550
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Monitoraggio ITCZ 2020

    Aggiornamento ITCZ 1 decade di giugno


    Ovest


    Est
    Dolomiti ed Heavy Metal nel cuore 🤘

    "We are Motörhead. And we play rock and roll."

  4. #14
    Brezza tesa L'avatar di GiagiKarlo
    Data Registrazione
    31/12/19
    Località
    Gualdo Tadino (PG)
    Età
    16
    Messaggi
    898
    Menzionato
    17 Post(s)

    Predefinito Re: Monitoraggio ITCZ 2020

    ITCZ che rimane estremamente basso, più delle aspettative presumo.
    Sarebbe interessante anche vedere i record di questo periodo, non so se ne avviciniamo qualcuno.
    Avatar: temporale in arrivo, 11 giugno 2020

  5. #15
    Brezza tesa
    Data Registrazione
    24/12/17
    Località
    Roma
    Età
    33
    Messaggi
    893
    Menzionato
    218 Post(s)

    Predefinito Re: Monitoraggio ITCZ 2020

    Citazione Originariamente Scritto da GiagiKarlo Visualizza Messaggio
    ITCZ che rimane estremamente basso, più delle aspettative presumo.
    Sarebbe interessante anche vedere i record di questo periodo, non so se ne avviciniamo qualcuno.
    Altro che avvicinare, il record decadale per la serie che parte dal 1989 viene ampiamente battuto con 13,2 gradi di latitudine media davanti ai 13,5 del 2009 (media 14,9)

    Particolarmente eclatante la parte occidentale che supera il record del 2009 di mezzo grado mentre nella parte orientale si avvicina molto ai valori del 2009, 1990 e 2001 senza però raggiungerli.

    Risultato ancor più notevole se si considera che l'altezza itcz è stata fortemente sopra media dal Niño del 2015/16 e valori significativamente sotto media mancavano dal 2011 (e qui viene da pensare che un qualche ruolo del ciclo solare ci sia, anche se non preponderante).

    Inviato dal mio SM-G930F utilizzando Tapatalk

  6. #16
    Brezza tesa L'avatar di GiagiKarlo
    Data Registrazione
    31/12/19
    Località
    Gualdo Tadino (PG)
    Età
    16
    Messaggi
    898
    Menzionato
    17 Post(s)

    Predefinito Re: Monitoraggio ITCZ 2020

    Citazione Originariamente Scritto da snowaholic Visualizza Messaggio
    Altro che avvicinare, il record decadale per la serie che parte dal 1989 viene ampiamente battuto con 13,2 gradi di latitudine media davanti ai 13,5 del 2009 (media 14,9)

    Particolarmente eclatante la parte occidentale che supera il record del 2009 di mezzo grado mentre nella parte orientale si avvicina molto ai valori del 2009, 1990 e 2001 senza però raggiungerli.

    Risultato ancor più notevole se si considera che l'altezza itcz è stata fortemente sopra media dal Niño del 2015/16 e valori significativamente sotto media mancavano dal 2011 (e qui viene da pensare che un qualche ruolo del ciclo solare ci sia, anche se non preponderante).

    Inviato dal mio SM-G930F utilizzando Tapatalk
    Ah ok, molto bene.
    Grazie delle info
    Avatar: temporale in arrivo, 11 giugno 2020

  7. #17
    Vento teso L'avatar di damiano23
    Data Registrazione
    25/02/19
    Località
    Catania (CT) 7 mt.
    Età
    16
    Messaggi
    1,623
    Menzionato
    13 Post(s)

    Predefinito Re: Monitoraggio ITCZ 2020

    Citazione Originariamente Scritto da snowaholic Visualizza Messaggio
    Altro che avvicinare, il record decadale per la serie che parte dal 1989 viene ampiamente battuto con 13,2 gradi di latitudine media davanti ai 13,5 del 2009 (media 14,9)

    Particolarmente eclatante la parte occidentale che supera il record del 2009 di mezzo grado mentre nella parte orientale si avvicina molto ai valori del 2009, 1990 e 2001 senza però raggiungerli.

    Risultato ancor più notevole se si considera che l'altezza itcz è stata fortemente sopra media dal Niño del 2015/16 e valori significativamente sotto media mancavano dal 2011 (e qui viene da pensare che un qualche ruolo del ciclo solare ci sia, anche se non preponderante).

    Inviato dal mio SM-G930F utilizzando Tapatalk
    Ma se il monsone resterà più basso di latitudine e non subirà delle fluttuazioni verso nord abbastanza rilevanti, alcune aree del nord Africa non verranno termoregolate, anche perché le piogge monsoniche derivano dalla convergenza dei venti alisei dei due emisferi (Equatore termico), ma anche dall'evaporazione dei mari (rientra anche il ciclo dell'acqua) e se le precipitazioni resteranno a mala pena a 18N (media di luglio circa 19N) , l'area del Sahel continuerà a scaldarsi sempre di più e si aggraverà il fenomeno della siccità che si sta manifestando negli ultimi anni a causa dell'espansione del Sahara verso sud, fenomeno analogo in Africa nord orientale, con conseguenze per milioni di abitanti che vivono di semplice agricoltura.

    C'era una discussione nel 2017 che parlava degli effetti legati all'ITCZ. Averlo sopra la media non vuol dire svantaggiare potenzialmente ed esclusivamente l'Eurozona, ma nello stesso tempo controbilanciare un'altra parte del mondo, il Sahel, che dipende ancor più da questo pendolo atmosferico, il cui calore desertico accumulato viene poi dissipato se c'è l'arrivo delle piogge tropicali.
    Io sono già stato quello che voi siete, ma non so se voi sarete, e dico a tutti, quello che io sono.

  8. #18
    Burrasca forte L'avatar di Marcoan
    Data Registrazione
    02/09/03
    Località
    Portogruaro (VE)
    Messaggi
    9,163
    Menzionato
    77 Post(s)

    Predefinito Re: Monitoraggio ITCZ 2020

    Citazione Originariamente Scritto da damiano23 Visualizza Messaggio
    Ma se il monsone resterà più basso di latitudine e non subirà delle fluttuazioni verso nord abbastanza rilevanti, alcune aree del nord Africa non verranno termoregolate, anche perché le piogge monsoniche derivano dalla convergenza dei venti alisei dei due emisferi (Equatore termico), ma anche dall'evaporazione dei mari (rientra anche il ciclo dell'acqua) e se le precipitazioni resteranno a mala pena a 18N (media di luglio circa 19N) , l'area del Sahel continuerà a scaldarsi sempre di più e si aggraverà il fenomeno della siccità che si sta manifestando negli ultimi anni a causa dell'espansione del Sahara verso sud, fenomeno analogo in Africa nord orientale, con conseguenze per milioni di abitanti che vivono di semplice agricoltura.

    C'era una discussione nel 2017 che parlava degli effetti legati all'ITCZ. Averlo sopra la media non vuol dire svantaggiare potenzialmente ed esclusivamente l'Eurozona, ma nello stesso tempo controbilanciare un'altra parte del mondo, il Sahel, che dipende ancor più da questo pendolo atmosferico, il cui calore desertico accumulato viene poi dissipato se c'è l'arrivo delle piogge tropicali.
    Non mi consta che l'area del Sahel abbia sofferto di gravi siccità negli anni scorsi, anzi semmai il contrario...detto questo se vogliamo avere un'estate quantopiù normale in area mediterranea, è altresì scontato che la regione subsahariana abbia piovosità inferiore alla norma e che andrà surriscaldandosi MA tenendo la cresta dell'hp afro e della depressione termica ben più bassa di latitudine.

  9. #19
    Burrasca forte L'avatar di burian br
    Data Registrazione
    06/01/17
    Località
    Brindisi
    Età
    25
    Messaggi
    7,883
    Menzionato
    346 Post(s)

    Predefinito Re: Monitoraggio ITCZ 2020

    Citazione Originariamente Scritto da Marcoan Visualizza Messaggio
    Non mi consta che l'area del Sahel abbia sofferto di gravi siccità negli anni scorsi, anzi semmai il contrario...detto questo se vogliamo avere un'estate quantopiù normale in area mediterranea, è altresì scontato che la regione subsahariana abbia piovosità inferiore alla norma e che andrà surriscaldandosi MA tenendo la cresta dell'hp afro e della depressione termica ben più bassa di latitudine.
    Io ricordo di aver letto nel Sahel di siccità negli anni 70, quando appunto l'ITCZ era presumibilmente basso di latitudine (e lo era anche il flusso atlantico, come sappiamo).

  10. #20
    Brezza tesa
    Data Registrazione
    24/12/17
    Località
    Roma
    Età
    33
    Messaggi
    893
    Menzionato
    218 Post(s)

    Predefinito Re: Monitoraggio ITCZ 2020

    Citazione Originariamente Scritto da damiano23 Visualizza Messaggio
    Ma se il monsone resterà più basso di latitudine e non subirà delle fluttuazioni verso nord abbastanza rilevanti, alcune aree del nord Africa non verranno termoregolate, anche perché le piogge monsoniche derivano dalla convergenza dei venti alisei dei due emisferi (Equatore termico), ma anche dall'evaporazione dei mari (rientra anche il ciclo dell'acqua) e se le precipitazioni resteranno a mala pena a 18N (media di luglio circa 19N) , l'area del Sahel continuerà a scaldarsi sempre di più e si aggraverà il fenomeno della siccità che si sta manifestando negli ultimi anni a causa dell'espansione del Sahara verso sud, fenomeno analogo in Africa nord orientale, con conseguenze per milioni di abitanti che vivono di semplice agricoltura.

    C'era una discussione nel 2017 che parlava degli effetti legati all'ITCZ. Averlo sopra la media non vuol dire svantaggiare potenzialmente ed esclusivamente l'Eurozona, ma nello stesso tempo controbilanciare un'altra parte del mondo, il Sahel, che dipende ancor più da questo pendolo atmosferico, il cui calore desertico accumulato viene poi dissipato se c'è l'arrivo delle piogge tropicali.
    In realtà gli ultimi anni hanno avuto un recupero delle precipitazioni e c'è stata anche una regressione del deserto, rispetto agli anni 70-80 le precipitazioni sono aumentate notevolmente, pur restando al di sotto dei livelli di metà secolo.



    Anche il lago Chad ha avuto un recupero di estensione negli ultimi anni, al momento più che le precipitazioni il problema sono le pratiche agricole scorrette e la cattiva gestione delle risorse idriche.

    Il Sahel ha un trend millenario a suo sfavore, rispetto all'optimum olocenico l'insolazione si è ridotta parecchio il tropico è sceso di latitudine di quasi un grado. Non fa molta differenza rispetto a 50 anni fa ma rispetto all'epoca romana ad esempio non è trascurabile. Sulle fluttuazioni di breve termine invece sappiamo poco, tranne il fatto che le fasi AMO+ sembrano favorire un rialzo ITCZ.
    Non è nemmeno chiaro l'effetto del GW.

    Il mese scorso non è stato troppo negativo nonostante tutto.




    Inviato dal mio SM-G930F utilizzando Tapatalk
    Ultima modifica di snowaholic; 15/06/2020 alle 22:12

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •