Pagina 188 di 188 PrimaPrima ... 88138178186187188
Risultati da 1,871 a 1,877 di 1877
  1. #1871
    myMeteoNetwork Team L'avatar di AbeteBianco
    Data Registrazione
    17/07/16
    Località
    Bellinzona/Riviera (TI, Svizzera)
    Età
    22
    Messaggi
    4,046
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Il NASCENTE Vortice Polare 2020/21 ed il futuro inverno

    Citazione Originariamente Scritto da burian br Visualizza Messaggio
    Le emissioni sono state meno dello scorso anno. Per l'esattezza -7%, come se improvvisamente avessimo smesso di emettere CO2 per quasi un mese rispetto al 2019.

    https://www.carbonbrief.org/wp-conte...ghout-2020.gif
    Sarebbe tema OT ma era giusto per specificare visto che non trovo il nesso con quanto si diceva.
    Non è che è sparita CO2 dall’atmosfera, calo del -6/7% è solo relativo allo scorso anno , ma anche nel 2020 le emissioni sono state moltissime, sui livelli di qualche anno (nel senso che l’aggiunta è al livello di qualche anno fa), ma come concentrazione assoluta siamo ai massimi storici.
    Il problema, forse non immediato da capire è che nel trend di fondo multidecennale non solo aumentano le concentrazione assolute, ma pure il tasso di incremento annuo, quindi c’è pure una tendenza all’esponenzialità e sul secondo sì, il lockdown generale può aver detto la sua (già prima però capitavano oscillazioni annue).
    Già solo per linearizzare il trend deve idealmente calare in modo importante il tasso annuo, e per calare le concentrazioni deve andare in territorio negativo , ma il tasso è ancora doppio rispetto gli anni’70 (non ho trovato ufficialmente il dato consolidato del 2020, ma sembra sui livelli del 2011).

    Global Monitoring Laboratory - Carbon Cycle Greenhouse Gases

    Sulla base di questo non vedo apparentemente che importanza possa avere nelle dinamiche atmosferiche, e polari nel caso specifico.

    *Preciso giusto che il link precedente si riferisce alle concentrazioni in atmosfera quindi solo indirettamente le emissioni (peraltro le concentrazioni in atmosfera presentano variazioni anche naturali d’anno in anno). Quindi quel -7% potrebbe anche solo rientrare in un rumore di fondo.
    Ultima modifica di AbeteBianco; 24/01/2021 alle 12:41

  2. #1872
    Vento fresco L'avatar di naturalist
    Data Registrazione
    01/12/06
    Località
    Loreto (AN)
    Messaggi
    2,424
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Il NASCENTE Vortice Polare 2020/21 ed il futuro inverno

    Va bene grazie...
    La realtà è che nella meteorologia appena si esce dall'ovvio si entra nell'assurdamente complesso. G.B.
    La verità imposta è una bugia.

  3. #1873
    Tempesta L'avatar di burian br
    Data Registrazione
    06/01/17
    Località
    Brindisi
    Età
    26
    Messaggi
    10,754
    Menzionato
    554 Post(s)

    Predefinito Re: Il NASCENTE Vortice Polare 2020/21 ed il futuro inverno

    Citazione Originariamente Scritto da AbeteBianco Visualizza Messaggio
    Sarebbe tema OT ma era giusto per specificare visto che non trovo il nesso con quanto si diceva.
    Non è che è sparita CO2 dall’atmosfera, calo del -6/7% è solo relativo allo scorso anno , ma anche nel 2020 le emissioni sono state moltissime, sui livelli di qualche anno (nel senso che l’aggiunta è al livello di qualche anno fa), ma come concentrazione assoluta siamo ai massimi storici.
    Il problema, forse non immediato da capire è che nel trend di fondo multidecennale non solo aumentano le concentrazione assolute, ma pure il tasso di incremento annuo, quindi c’è pure una tendenza all’esponenzialità e sul secondo sì, il lockdown generale può aver detto la sua (già prima però capitavano oscillazioni annue).
    Già solo per linearizzare il trend deve idealmente calare in modo importante il tasso annuo, e per calare le concentrazioni deve andare in territorio negativo , ma il tasso è ancora doppio rispetto gli anni’70 (non ho trovato ufficialmente il dato consolidato del 2020, ma sembra sui livelli del 2011).

    Global Monitoring Laboratory - Carbon Cycle Greenhouse Gases

    Sulla base di questo non vedo apparentemente che importanza possa avere nelle dinamiche atmosferiche, e polari nel caso specifico.

    *Preciso giusto che il link precedente si riferisce alle concentrazioni in atmosfera quindi solo indirettamente le emissioni (peraltro le concentrazioni in atmosfera presentano variazioni anche naturali d’anno in anno). Quindi quel -7% potrebbe anche solo rientrare in un rumore di fondo.
    Era solo a scopo informativo.

  4. #1874
    Comitato Tecnico Scientifico
    Data Registrazione
    02/01/14
    Località
    Palanzano (PR)
    Età
    31
    Messaggi
    2,102
    Menzionato
    40 Post(s)

    Predefinito Re: Il NASCENTE Vortice Polare 2020/21 ed il futuro inverno

    Andremo ripetutamente vicino (molto vicino) ad una nuova inversione zonale a 10 hPa con il disturbo dei prossimi giorni
    Il NASCENTE Vortice Polare 2020/21 ed il futuro inverno-c24ebca6-cbf0-4d98-a2b2-66660a23d341.pngIl NASCENTE Vortice Polare 2020/21 ed il futuro inverno-52f88e2b-f0a6-4d23-ac6f-4cccaecc7570.png
    Si tratterebbe comunque di una dinamica ancora di displacement, anche più canonico rispetto all’ibrido che abbiamo avuto ad inizio gennaio.
    Si andrà a provocare una vistosa rotazione del VPS che andrà a collocarsi sul settore groenlandese, in rapido raffreddamento ed approfondimento
    Il NASCENTE Vortice Polare 2020/21 ed il futuro inverno-5e0f9f07-f312-4742-8358-f45d772e124d.png
    Francamente guardandola così, con vorticità sempre molto deboli in medio-alta strato
    Il NASCENTE Vortice Polare 2020/21 ed il futuro inverno-420f4a81-48a9-4f64-b028-d34c3b0bb4f2.png
    non lascerebbe pensare che tale dinamica possa influenzare i piani troposferici, se però andiamo a guardare le carte in medio-bassa e bassa strato, notiamo che avremo comunque una certa risonanza
    Il NASCENTE Vortice Polare 2020/21 ed il futuro inverno-7e5ee471-af36-48e8-8124-be842273b254.pngIl NASCENTE Vortice Polare 2020/21 ed il futuro inverno-f8617d15-7680-4fef-8be6-021e7f29f1ef.pngIl NASCENTE Vortice Polare 2020/21 ed il futuro inverno-44194d6f-5522-4df6-b4d3-9673b045da6e.png
    È quindi verosimile pensare che, in attesa di altre forzanti che potranno modificare tale pattern, anche la troposfera potrà essere influenzata da questi movimenti, che è poi quello che già mostrano i modelli. Avremo probabilmente uno snodo cruciale intorno alle 144/168h, in cui o la divergenza del getto va a creare uno SCAND+ (che sarebbe anche favorito dalla MJO in fase 7) oppure le correnti occidentali avranno strada aperta per sfondare sul continente, andando a destrutturare il blocco gelido continentale presente attualmente ad est.
    Ultima modifica di cavaz; Oggi alle 07:05

  5. #1875
    Vento moderato L'avatar di MicheleSbig
    Data Registrazione
    19/01/12
    Località
    San Bartolomeo in Galdo (BN) 600 m
    Età
    33
    Messaggi
    1,441
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Il NASCENTE Vortice Polare 2020/21 ed il futuro inverno

    Citazione Originariamente Scritto da cavaz Visualizza Messaggio
    Avremo probabilmente uno snodo cruciale intorno alle 144/168h, in cui o la divergenza del getto va a creare uno SCAND+ (che sarebbe anche favorito dalla MJO in fase 7) oppure le correnti occidentali avranno strada aperta per sfondare sul continente, andando a destrutturare il blocco gelido continentale presente attualmente ad est.
    Quale delle due è l'ipotesi più plausibile? Saremmo comunque in febbraio, se le vorticità saranno meno accorpate gli scambi meridiani potrebbero essere più probabili, mentre se avremo una ripresa dei flussi zonali e vorticità più accorpate il flusso freddo tenderà a prendere una via più settentrionale. Giusto?

    Grazie
    "...la 240h di ECMWF mi sembra una bella carta in prospettiva..."

  6. #1876
    Comitato Tecnico Scientifico
    Data Registrazione
    02/01/14
    Località
    Palanzano (PR)
    Età
    31
    Messaggi
    2,102
    Menzionato
    40 Post(s)

    Predefinito Re: Il NASCENTE Vortice Polare 2020/21 ed il futuro inverno

    Citazione Originariamente Scritto da MicheleSbig Visualizza Messaggio
    Quale delle due è l'ipotesi più plausibile? Saremmo comunque in febbraio, se le vorticità saranno meno accorpate gli scambi meridiani potrebbero essere più probabili, mentre se avremo una ripresa dei flussi zonali e vorticità più accorpate il flusso freddo tenderà a prendere una via più settentrionale. Giusto?

    Grazie
    Senza guardare i GM attuali direi che l’ipotesi SCAND sarebbe leggermente più probabile ma dobbiamo fare i conti con il determinismo e questo ci dice che questa ipotesi è decisamente minoritaria. Non credo comunque possa essere un passaggio molto duraturo, se le masse artiche dovessero spostarsi gradualmente verso est come sembra dai modelli, potrebbe liberarsi maggior spazio in nord Atlantico per avere più spinta meridiana con il VPT che sarebbe finalmente in posizione più ottimale di quanto avuto fino ad ora. Certo pero questo passaggio andrebbe ad inficiare possibili dinamiche retrogressive per il resto della stagione probabilmente

  7. #1877
    Vento moderato L'avatar di MicheleSbig
    Data Registrazione
    19/01/12
    Località
    San Bartolomeo in Galdo (BN) 600 m
    Età
    33
    Messaggi
    1,441
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Il NASCENTE Vortice Polare 2020/21 ed il futuro inverno

    Grazie Cavaz
    "...la 240h di ECMWF mi sembra una bella carta in prospettiva..."

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •