Pagina 2 di 2 PrimaPrima 12
Risultati da 11 a 17 di 17
  1. #11
    Vento teso
    Data Registrazione
    10/08/09
    Località
    Roma 20 mt s.l.m.
    Messaggi
    1,644
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Elementi per la struttura di una Rossby o di un blocco

    Il fatto è che non credo affatto che l'intensità del blocking sia condizione necessaria a e sufficiente per avere un evento importante sul nostro comparto...se ci fosse il blocking ci vorrebbero le altre condizioni al contorno che ancora non si vedono...è una situazione incancrenita da anni che non sembra essersi sbloccata con l'arrivo della nina (forse troppo debole)...

    Ad ogni modo speriamo in una botta di culomb che magari qualcosa dai e dai arriva pure qui!

  2. #12
    Brezza tesa L'avatar di pubblico
    Data Registrazione
    22/05/08
    Località
    Torricella S. (Ri)
    Età
    36
    Messaggi
    629
    Menzionato
    9 Post(s)

    Predefinito Re: Elementi per la struttura di una Rossby o di un blocco

    Citazione Originariamente Scritto da Adriano90 Visualizza Messaggio
    non so se ho interpretato correttamente: l'avanzamento stagionale è un fattore positivo, se non erro.
    Aumenta il gradiente grazie al riscaldamento delle fasce tropicali

  3. #13
    Vento teso L'avatar di DuffMc92
    Data Registrazione
    18/02/17
    Località
    Conegliano (TV)
    Età
    28
    Messaggi
    1,681
    Menzionato
    6 Post(s)

    Predefinito Re: Elementi per la struttura di una Rossby o di un blocco

    Citazione Originariamente Scritto da Copernicus64 Visualizza Messaggio
    è una situazione incancrenita da anni che non sembra essersi sbloccata con l'arrivo della nina (forse troppo debole)...
    Sicuramente, ci tocca puntare tutto sul replay dell'anno prossimo, sperando che l'ENSO sia almeno -1.4/-1.5 per un bimestre, perché quest'anno quei valori li abbiamo visti sì e no due settimane.

  4. #14
    Brezza tesa L'avatar di AspiranteMetereologo
    Data Registrazione
    23/11/14
    Località
    Rho (MI)
    Età
    19
    Messaggi
    922
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Elementi per la struttura di una Rossby o di un blocco

    Citazione Originariamente Scritto da mat69 Visualizza Messaggio
    Le proiezioni modellistiche stanno proponendo, da alcuni giorni, scenari che sono in qualche modo compatibili con un deciso rallentamento delle velocità zonali nel N.Atl. fino all'instaurazione di una dinamica di blocco.
    Senza voler tradurre in modo automatico l'analisi di questo fattore con l'arrivo di un'ondata di freddo sulla nostra Penisola, determinabile solo attraverso i dettagli operati dal calcolo dei modelli fisico-matematici, vorrei verificare se tali condizioni siano effettivamente favorevoli all'amplificazione di dinamiche ondulatorie di particolare incisività finanche a un blocco vero e proprio.

    Allegato 557366

    Secondo i pannelli ncep, esisterebbe una reiterata tendenza all'instaurazione di un blocco con focus grossomodo su U.K. e quindi all'instaurazione di un pattern marcatamente EA negativo.

    Allargando ora la nostra attenzione ad una delle principali forzanti per il trasferimento di energia dall'oceano all'atmosfera ovvero la Mjo, notiamo un indice di fase basculante tra la fase 6 e la fase 7 ma scarsamente evolutivo verso la successiva fase e decisamente compatibile con le anomalìe evidenziate dalle carte di blocking elaborate da Ncep.

    La fase 7 che fino a ieri era ben inquadrata anche dalle anomalìe di geopotenziale proposte dai modelli nel medio-lungo termine

    Allegato 557368Allegato 557369

    sta iniziando a proporre delle contaminazioni con la fase 6 proprio dal momento che il suo esordio è al confine con questa in quanto l'attività convettiva pare sostanzialmente inchiodata proprio sul Pacifico occidentale subito in uscita dal continente marittimo:

    Allegato 557370

    La Mjo rappresenta il focus dell'attività convettiva massima in sede equatoriale mentre il GWO (Global Wind Oscillation) è la traduzione dell'attività di trasporto di quest'energia a latitudini più elevate dell'emisfero.

    Allegato 557371

    L'attuale fase contraddistinta da AAM negativa, e quindi sostanzialmente poco favorevole nello strutturare Rossby waves, per non parlare di blocking, dovrebbe entro 6 giorni (vedi fig.) lasciare il campo ad una fase positiva che vede una GWO progressivamente verso la fase 5 e un corrispettivo Stage passare in fase 2:

    Allegato 557373

    Secondo il Trattato di Wieckmann e Berry con il passaggio allo Stage 2 viene rimosso il momento angolare negativo, si intensificano i venti occidentali di quota equatoriali e aumenta di conseguenza la trasmissione di momento verso le latitudini maggiori attraverso il Frictional ed il Montain Torque che divengono positive amplificano gli effetti torcenti sia del gradiente termico che delle orografie delle principali catene montuose (M.Rocciose e Urali)

    Allegato 557374

    Questa è in assoluto la fase più adatta pertanto nel costruire dinamiche verticali sostenute da un idoneo trasporto dell'attività convettiva.

    L'ampiezza (o magnitudo) tuttavia debole/moderata del segnale di trasporto è alla base della "timidezza" nel quale le onde di blocco paiono strutturarsi tuttavia la reiterazione da parte dei flussi di calore rimarrà a mio avviso possibile fino a quando il trasporto del calore non verrà inibito dal passaggio della GWO allo stage 4 e dal calo del GLAAM che non dovrebbe comunque avvenire all'incirca prima di fine mese.

    Post davvero da incorniciare, perfino io che di teleconnessioni ne capisco quanto di ippica sono riuscito (penso) a cogliere i punti fondamentali del tuo ragionamento. Grazie mille per la chiarezza e l'ottima esposizione, saluti

  5. #15
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di mat69
    Data Registrazione
    07/03/04
    Località
    Genova
    Età
    51
    Messaggi
    7,457
    Menzionato
    43 Post(s)

    Predefinito Re: Elementi per la struttura di una Rossby o di un blocco

    Citazione Originariamente Scritto da mat69 Visualizza Messaggio
    Le proiezioni modellistiche stanno proponendo, da alcuni giorni, scenari che sono in qualche modo compatibili con un deciso rallentamento delle velocità zonali nel N.Atl. fino all'instaurazione di una dinamica di blocco.
    Senza voler tradurre in modo automatico l'analisi di questo fattore con l'arrivo di un'ondata di freddo sulla nostra Penisola, determinabile solo attraverso i dettagli operati dal calcolo dei modelli fisico-matematici, vorrei verificare se tali condizioni siano effettivamente favorevoli all'amplificazione di dinamiche ondulatorie di particolare incisività finanche a un blocco vero e proprio.

    Allegato 557366

    Secondo i pannelli ncep, esisterebbe una reiterata tendenza all'instaurazione di un blocco con focus grossomodo su U.K. e quindi all'instaurazione di un pattern marcatamente EA negativo.

    Allargando ora la nostra attenzione ad una delle principali forzanti per il trasferimento di energia dall'oceano all'atmosfera ovvero la Mjo, notiamo un indice di fase basculante tra la fase 6 e la fase 7 ma scarsamente evolutivo verso la successiva fase e decisamente compatibile con le anomalìe evidenziate dalle carte di blocking elaborate da Ncep.

    La fase 7 che fino a ieri era ben inquadrata anche dalle anomalìe di geopotenziale proposte dai modelli nel medio-lungo termine

    Allegato 557368Allegato 557369

    sta iniziando a proporre delle contaminazioni con la fase 6 proprio dal momento che il suo esordio è al confine con questa in quanto l'attività convettiva pare sostanzialmente inchiodata proprio sul Pacifico occidentale subito in uscita dal continente marittimo:

    Allegato 557370

    La Mjo rappresenta il focus dell'attività convettiva massima in sede equatoriale mentre il GWO (Global Wind Oscillation) è la traduzione dell'attività di trasporto di quest'energia a latitudini più elevate dell'emisfero.

    Allegato 557371

    L'attuale fase contraddistinta da AAM negativa, e quindi sostanzialmente poco favorevole nello strutturare Rossby waves, per non parlare di blocking, dovrebbe entro 6 giorni (vedi fig.) lasciare il campo ad una fase positiva che vede una GWO progressivamente verso la fase 5 e un corrispettivo Stage passare in fase 2:

    Allegato 557373

    Secondo il Trattato di Wieckmann e Berry con il passaggio allo Stage 2 viene rimosso il momento angolare negativo, si intensificano i venti occidentali di quota equatoriali e aumenta di conseguenza la trasmissione di momento verso le latitudini maggiori attraverso il Frictional ed il Montain Torque che divengono positive amplificano gli effetti torcenti sia del gradiente termico che delle orografie delle principali catene montuose (M.Rocciose e Urali)

    Allegato 557374

    Questa è in assoluto la fase più adatta pertanto nel costruire dinamiche verticali sostenute da un idoneo trasporto dell'attività convettiva.

    L'ampiezza (o magnitudo) tuttavia debole/moderata del segnale di trasporto è alla base della "timidezza" nel quale le onde di blocco paiono strutturarsi tuttavia la reiterazione da parte dei flussi di calore rimarrà a mio avviso possibile fino a quando il trasporto del calore non verrà inibito dal passaggio della GWO allo stage 4 e dal calo del GLAAM che non dovrebbe comunque avvenire all'incirca prima di fine mese.


    Rispetto al quoting iniziale la maggiore esimente alla strutturazione di un blocco in grado di veicolare a latitudini inferiori ai 50°N le masse di aria gelide eurasiatiche si sta rivelando la debolezza della struttura del vortice polare che tende ad assorbire il calore proveniente dal Pacifico dando forza ad una potente struttura di hp polare.
    Vortice polare fortemente danneggiato a tutte le quote dagli esiti di un mmw che dovrebbe manifestare i massimi della propria risonanza nei prossimi giorni ovvero tra la fine di questa e l'inizio della prossima settimana.
    Mancano proprio gli spessori delle masse artiche e basta un niente che il polo viene letteralmente invaso da ondulazioni che depositano senza alcun attrito o resistenza il proprio momento easterlies.
    Pienamente centrata quindi la fase ondulatoria (mjo 6/7 e Glaam+) ma l'wave breaking assorbe qualsiasi velleità di trasmissione tra i comparti oceanici.
    A ciò ovviamente si aggiunge il rinforzo del getto alle medie latitudini, alimentato dal percorso antizonale delle masse artiche.

    La risoluzione di questo pattern che porta tempo uggioso e mite sull'Europa meridionale passa attraverso la disalimentazione retrograda del getto basso e quindi dalla difficile ricucitura dello squarcio presente sul polo presidiato a fasi alterne da consistenti apporti dinamici all'alta pressione.
    Timidi segnali in vista in tal senso oggi nei gm oltre le 144 ore ma saranno confermati anche domani o sarà solo una breve pausa?
    Matteo



  6. #16
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di 4ecast
    Data Registrazione
    23/01/06
    Località
    Ansa dell'Arno
    Messaggi
    12,413
    Menzionato
    28 Post(s)

    Predefinito Re: Elementi per la struttura di una Rossby o di un blocco

    Ora un nuova fase diventa coerente con quanto analizzato da Matteo a proposito dello stage4 di Wiekmann e Barry in concomitanza con la fine del mese. Dunque un diverso tipo di blocco adatto a veicolare la massa d'aria afferente al vortice russo siberiano in Europa ? Beh lo stiamo vedendo a singhiozzo nel determinismo CFS e GFS, cioè chi ci arriva fin là
    Always looking at the sky

  7. #17
    Vento fresco L'avatar di naturalist
    Data Registrazione
    01/12/06
    Località
    Loreto (AN)
    Messaggi
    2,504
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Elementi per la struttura di una Rossby o di un blocco

    Citazione Originariamente Scritto da 4ecast Visualizza Messaggio
    Ora un nuova fase diventa coerente con quanto analizzato da Matteo a proposito dello stage4 di Wiekmann e Barry in concomitanza con la fine del mese. Dunque un diverso tipo di blocco adatto a veicolare la massa d'aria afferente al vortice russo siberiano in Europa ? Beh lo stiamo vedendo a singhiozzo nel determinismo CFS e GFS, cioè chi ci arriva fin là
    Vi è un continuo rimandare nei GM della possibilità di risoluzione del pattern EUH. Aspettando mercoledì, giovedì per comprendere se si risolve il pattern Euh o meno, per poi comprendere quale sarà il pattern dominante per la prossima ventura primavera
    La realtà è che nella meteorologia appena si esce dall'ovvio si entra nell'assurdamente complesso. G.B.
    La verità imposta è una bugia.

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •