Pagina 2 di 10 PrimaPrima 1234 ... UltimaUltima
Risultati da 11 a 20 di 97
  1. #11
    Vento forte
    Data Registrazione
    19/05/19
    Località
    Crotone (KR)
    Messaggi
    3,130
    Menzionato
    39 Post(s)

    Predefinito Re: Analisi/aggiornamento NINA 2022


  2. #12
    Vento forte L'avatar di DuffMc92
    Data Registrazione
    18/02/17
    Località
    Conegliano (TV)
    Età
    31
    Messaggi
    3,500
    Menzionato
    19 Post(s)

    Predefinito Re: Analisi/aggiornamento NINA 2022

    Citazione Originariamente Scritto da downburst Visualizza Messaggio
    Buono.

    Essendo poi la terza di fila, ci sarebbe meno apprensione da parte mia sulla sua magnitudo: SE la fa, FORSE mi basta che la zona 3.4 se ne stia a -0.8 a ottobre e novembre e poi su (PIANO PIANO, ma su)

  3. #13
    Vento forte L'avatar di DuffMc92
    Data Registrazione
    18/02/17
    Località
    Conegliano (TV)
    Età
    31
    Messaggi
    3,500
    Menzionato
    19 Post(s)

    Predefinito Re: Analisi/aggiornamento NINA 2022

    Citazione Originariamente Scritto da DuffMc92 Visualizza Messaggio
    Dato che martedì sera sono uscite le proiezioni ENSO e ssta di NMME volevo chiedervi: siamo ancora nella barriera di primavera o tali prospettive cominciano ad acquisire una certa attendibilità? Grazie!

    PS metto qui gli spaghi ENSO giusto per chi non avesse voglia di andare a cercarli.

    Immagine
    Mannaggia, come al solito caricando l'immagine dall'URL gli spaghi di giugno sono diventati quelli di luglio, usciti poche ore fa

    Riporto in evidenza la proiezione ENSO, che secondo me ora comincia ad essere attendibile, ma facciamo finta che lo scriva a matita, perché non vorrei dover ritrattare tutto.

    Mi rimaneva una perplessità rispetto alla famosa barriera primaverile, in quanto nel 2016 fino a tarda primavera la media spaghi ENSO dava una Nina sui -1 per l'autunno successivo, ma in due mesi passò a -0.5/-0.6, che furono poi mantenuti dai forecast mensili dei modelli (poi nei fatti andò un po' meglio, ma comunque sono cose che preferirei evitare).

    Nel frattempo il SOI è tornato intorno ai +20 e la fetta settentrionale di Nina sottoforma di contenuto di calore è sorprendentemente fredda:

    heat content.gif

    Chissà che vada in porto e dia un'ulteriore sferzata alle ssta del Pacifico nordorientale in direzione della silhouette duemiliana, probabilmente impossibile da riprodurre (sigh), ma si premia anche l'impegno.

  4. #14
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di 4ecast
    Data Registrazione
    23/01/06
    Località
    Ansa dell'Arno
    Messaggi
    12,494
    Menzionato
    34 Post(s)

    Predefinito Re: Analisi/aggiornamento NINA 2022

    Il SOI è in campo positivo. Nell'ultima settimana, il contributo giornaliero è oscillato tra 12 e -3 con una media di circa 8 ovvero la metà della media degli ultimi 30 e 90 giorni. L'estate avrà un regime di Nina ovvero i vari indici MEI e Enso 1-4 si troveranno in campo negativo, ma questi tenderanno a superare il valore soglia di -1. Solo 3 su 23 modelli vedono la l'Enso sotto il -1.
    Per quanto riguarda l'indice ONI che rispecchia la media trimestrale centrata sul secondo mese, dovrebbe andare sopra i -0.5 in agosto se continua il trend di indebolimento SOI, cioè verrà classificato in grigio dal NOAA (in campo Nada).

    Nada agosto.png
    Le SSTA pacifiche permangono in una configurazione specifica di questo terzo anno consecutivo di Nina. La configurazione che ho chiamato asimmetrica si è un pò indebolita da inizio estate e le SSTA negative si sono relativamente spalmate più a nord. I principali elementi di SSTA negative ben sviluppate a sud della linea dell'equatore sono tre: 1) convezione inibita, 2) anomalia in quota dei venti da est verso ovest, nel Pacifico australe (intertropicale) e
    3) l'avanzata verso est delle acque sotto-superficiali che avviene principalmente a sud dell'equatore, non giustificando una progressione complessiva verso il Pacifico orientale entro la fine dell'estate.

    Sottosuperficiale.PNG
    Notare come la lingua calda sottosuperficiale si fraziona e col passare delle settimane arretra di 20°. Questo conferma l'analisi fatta ad inizio topic.
    Le principali conseguenze sono le seguenti: 1) fasi di downwelling o sprofondamento delle acque calde dall'Indo- verso la Micro-nesia con sviluppo di Kelvin wave (MJO che riesce a raggiungere la fase 8 ma poi entra nel cerchio; due fasi, da dicembre a marzo e da aprile ad oggi) e 2) rafforzamento dei venti orientali in porzioni molto occidentali, con massimi oltre la linea di cambio data.
    Un quadro che vede la convezione massima nell'emisfero australe su ovest Indonesia (inferiore invece tra Indonesia e Sud-est Asiatico). Dunque acque superficiali molto calde a nord e nord ovest Australia. Indian Ocean Dipole spinto verso il negativo. Da notare che si era avuta una fase neutrale IOD in tarda primavera laddove i venti orientali sul Pacifico si erano invece interrotti e sostituiti da una debole corrente da ovest.
    Nina e IOD- predispongono una circolazione tropicale di rinforzo degli alisei
    su scala globale. E' quasi certo che il rinforzo alisei stia già lavorando in Atlantico, si veda per esempio questo post: Atlantic Meridional Mode (AMM) negativo che rende bene l'idea della chiusura del cerchio Enso- / IOD-.

    Quadro anomalie.PNG

    Dal punto della circolazione globale, torniamo per un attimo sulla variabilità intrastagionale MJO. L'indebolimento dei venti orientali che ha fatto approdare in Micronesia una Kelvin wave lo scorso marzo, rimosse l'anomala HP sul nord Pacifico con asse promontorio centrato sull'Alaska. Tanto è vero che una saccatura si spalmò verso est (centro-est US) in aprile. Adesso è avvenuta la stessa identica cosa con la MJO approdata in centro-est Pacifico, infatti di nuovo l'anomala HP sul nord Pacifico è stata rimossa da una saccatura si è allungata sul centro-est US andando a far saltare il primo outlook NOAA, in cui si vedeva un gran secco e caldo a sud-ovest, tra California, Nevada, Utah e Nuovo Maxico. Il nuovo outlook trimestrale NOAA ha rivisto questo secco e caldo più centrato sugli stati centrali dal Texas in su.

    Usa outlook.PNG
    Questo blocco sul nord Pacifico venne ripristinato il mese successivo, in maggio. Forse entrò in gioco la pesante anomalia positiva in zona Namias, centro nord Pacifico a nord delle Hawaii che spinse e continua a spingere una PDO leggermente negativa. Possiamo immaginare che anche questa volta il regime sul nord Pacifico rimanga orientato alla dinamicità con saccature che scorrono verso est e poi piegano verso il sud degli States.
    Infine propongo questa analisi di trend, riprendendo sempre la fonte grafica NOAA, su cui però ho messo lo spostamento dei massimi e minimi della convezione intertropicale (blu e rosso rispettivamente). Da osservare come "pericolosamente" la zona di massima convezione inibita approcci da est l'Indonesia. Per esempio, il mar Cinese Meridionale appare da giorni sgombro di nuvolosità convettiva (https://www.lightningmaps.org). La massima convezione è invece a 60°, stagionalmente relativa al monsone indiano ma anche all'IOD- (ovest Indonesia).

    Trend.PNG
    I'm hoping you are reading this blog outside enjoying the wonderfulness of the weather wherever you may be.
    Always looking at the sky

  5. #15
    Uragano L'avatar di Marcoan
    Data Registrazione
    02/09/03
    Località
    Portogruaro (VE)
    Messaggi
    15,847
    Menzionato
    143 Post(s)

    Predefinito Re: Analisi/aggiornamento NINA 2022

    Citazione Originariamente Scritto da 4ecast Visualizza Messaggio
    Il SOI è in campo positivo. Nell'ultima settimana, il contributo giornaliero è oscillato tra 12 e -3 con una media di circa 8 ovvero la metà della media degli ultimi 30 e 90 giorni. L'estate avrà un regime di Nina ovvero i vari indici MEI e Enso 1-4 si troveranno in campo negativo, ma questi tenderanno a superare il valore soglia di -1. Solo 3 su 23 modelli vedono la l'Enso sotto il -1.
    Per quanto riguarda l'indice ONI che rispecchia la media trimestrale centrata sul secondo mese, dovrebbe andare sopra i -0.5 in agosto se continua il trend di indebolimento SOI, cioè verrà classificato in grigio dal NOAA (in campo Nada).

    Nada agosto.png
    Le SSTA pacifiche permangono in una configurazione specifica di questo terzo anno consecutivo di Nina. La configurazione che ho chiamato asimmetrica si è un pò indebolita da inizio estate e le SSTA negative si sono relativamente spalmate più a nord. I principali elementi di SSTA negative ben sviluppate a sud della linea dell'equatore sono tre: 1) convezione inibita, 2) anomalia in quota dei venti da est verso ovest, nel Pacifico australe (intertropicale) e
    3) l'avanzata verso est delle acque sotto-superficiali che avviene principalmente a sud dell'equatore, non giustificando una progressione complessiva verso il Pacifico orientale entro la fine dell'estate.

    Sottosuperficiale.PNG
    Notare come la lingua calda sottosuperficiale si fraziona e col passare delle settimane arretra di 20°. Questo conferma l'analisi fatta ad inizio topic.
    Le principali conseguenze sono le seguenti: 1) fasi di downwelling o sprofondamento delle acque calde dall'Indo- verso la Micro-nesia con sviluppo di Kelvin wave (MJO che riesce a raggiungere la fase 8 ma poi entra nel cerchio; due fasi, da dicembre a marzo e da aprile ad oggi) e 2) rafforzamento dei venti orientali in porzioni molto occidentali, con massimi oltre la linea di cambio data.
    Un quadro che vede la convezione massima nell'emisfero australe su ovest Indonesia (inferiore invece tra Indonesia e Sud-est Asiatico). Dunque acque superficiali molto calde a nord e nord ovest Australia. Indian Ocean Dipole spinto verso il negativo. Da notare che si era avuta una fase neutrale IOD in tarda primavera laddove i venti orientali sul Pacifico si erano invece interrotti e sostituiti da una debole corrente da ovest.
    Nina e IOD- predispongono una circolazione tropicale di rinforzo degli alisei
    su scala globale. E' quasi certo che il rinforzo alisei stia già lavorando in Atlantico, si veda per esempio questo post: Atlantic Meridional Mode (AMM) negativo che rende bene l'idea della chiusura del cerchio Enso- / IOD-.

    Quadro anomalie.PNG

    Dal punto della circolazione globale, torniamo per un attimo sulla variabilità intrastagionale MJO. L'indebolimento dei venti orientali che ha fatto approdare in Micronesia una Kelvin wave lo scorso marzo, rimosse l'anomala HP sul nord Pacifico con asse promontorio centrato sull'Alaska. Tanto è vero che una saccatura si spalmò verso est (centro-est US) in aprile. Adesso è avvenuta la stessa identica cosa con la MJO approdata in centro-est Pacifico, infatti di nuovo l'anomala HP sul nord Pacifico è stata rimossa da una saccatura si è allungata sul centro-est US andando a far saltare il primo outlook NOAA, in cui si vedeva un gran secco e caldo a sud-ovest, tra California, Nevada, Utah e Nuovo Maxico. Il nuovo outlook trimestrale NOAA ha rivisto questo secco e caldo più centrato sugli stati centrali dal Texas in su.

    Usa outlook.PNG
    Questo blocco sul nord Pacifico venne ripristinato il mese successivo, in maggio. Forse entrò in gioco la pesante anomalia positiva in zona Namias, centro nord Pacifico a nord delle Hawaii che spinse e continua a spingere una PDO leggermente negativa. Possiamo immaginare che anche questa volta il regime sul nord Pacifico rimanga orientato alla dinamicità con saccature che scorrono verso est e poi piegano verso il sud degli States.
    Infine propongo questa analisi di trend, riprendendo sempre la fonte grafica NOAA, su cui però ho messo lo spostamento dei massimi e minimi della convezione intertropicale (blu e rosso rispettivamente). Da osservare come "pericolosamente" la zona di massima convezione inibita approcci da est l'Indonesia. Per esempio, il mar Cinese Meridionale appare da giorni sgombro di nuvolosità convettiva (https://www.lightningmaps.org). La massima convezione è invece a 60°, stagionalmente relativa al monsone indiano ma anche all'IOD- (ovest Indonesia).

    Trend.PNG
    Gran post Andrea , complimenti come sempre...vorrei farti una domanda: hai parlato delle conseguenze del tutto sul settore nord americano , ma sul nostro settore, euroatlantico, tutto ciò cosa potrebbe comportare ?

  6. #16
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di 4ecast
    Data Registrazione
    23/01/06
    Località
    Ansa dell'Arno
    Messaggi
    12,494
    Menzionato
    34 Post(s)

    Predefinito Re: Analisi/aggiornamento NINA 2022

    Citazione Originariamente Scritto da Marcoan Visualizza Messaggio
    Gran post Andrea , complimenti come sempre...vorrei farti una domanda: hai parlato delle conseguenze del tutto sul settore nord americano , ma sul nostro settore, euroatlantico, tutto ciò cosa potrebbe comportare ?
    Grazie Marco. Non ne ho parlato perchè siamo a un passo dall'uscita dell'Outlook seconda parte, quindi per correttezza eviterei
    I'm hoping you are reading this blog outside enjoying the wonderfulness of the weather wherever you may be.
    Always looking at the sky

  7. #17
    Banned
    Data Registrazione
    18/10/21
    Località
    Bova Marina (RC)
    Messaggi
    349
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Analisi/aggiornamento NINA 2022

    Citazione Originariamente Scritto da 4ecast Visualizza Messaggio
    Il SOI è in campo positivo. Nell'ultima settimana, il contributo giornaliero è oscillato tra 12 e -3 con una media di circa 8 ovvero la metà della media degli ultimi 30 e 90 giorni. L'estate avrà un regime di Nina ovvero i vari indici MEI e Enso 1-4 si troveranno in campo negativo, ma questi tenderanno a superare il valore soglia di -1. Solo 3 su 23 modelli vedono la l'Enso sotto il -1.
    Per quanto riguarda l'indice ONI che rispecchia la media trimestrale centrata sul secondo mese, dovrebbe andare sopra i -0.5 in agosto se continua il trend di indebolimento SOI, cioè verrà classificato in grigio dal NOAA (in campo Nada).

    Nada agosto.png
    Le SSTA pacifiche permangono in una configurazione specifica di questo terzo anno consecutivo di Nina. La configurazione che ho chiamato asimmetrica si è un pò indebolita da inizio estate e le SSTA negative si sono relativamente spalmate più a nord. I principali elementi di SSTA negative ben sviluppate a sud della linea dell'equatore sono tre: 1) convezione inibita, 2) anomalia in quota dei venti da est verso ovest, nel Pacifico australe (intertropicale) e
    3) l'avanzata verso est delle acque sotto-superficiali che avviene principalmente a sud dell'equatore, non giustificando una progressione complessiva verso il Pacifico orientale entro la fine dell'estate.

    Sottosuperficiale.PNG
    Notare come la lingua calda sottosuperficiale si fraziona e col passare delle settimane arretra di 20°. Questo conferma l'analisi fatta ad inizio topic.
    Le principali conseguenze sono le seguenti: 1) fasi di downwelling o sprofondamento delle acque calde dall'Indo- verso la Micro-nesia con sviluppo di Kelvin wave (MJO che riesce a raggiungere la fase 8 ma poi entra nel cerchio; due fasi, da dicembre a marzo e da aprile ad oggi) e 2) rafforzamento dei venti orientali in porzioni molto occidentali, con massimi oltre la linea di cambio data.
    Un quadro che vede la convezione massima nell'emisfero australe su ovest Indonesia (inferiore invece tra Indonesia e Sud-est Asiatico). Dunque acque superficiali molto calde a nord e nord ovest Australia. Indian Ocean Dipole spinto verso il negativo. Da notare che si era avuta una fase neutrale IOD in tarda primavera laddove i venti orientali sul Pacifico si erano invece interrotti e sostituiti da una debole corrente da ovest.
    Nina e IOD- predispongono una circolazione tropicale di rinforzo degli alisei
    su scala globale. E' quasi certo che il rinforzo alisei stia già lavorando in Atlantico, si veda per esempio questo post: Atlantic Meridional Mode (AMM) negativo che rende bene l'idea della chiusura del cerchio Enso- / IOD-.

    Quadro anomalie.PNG

    Dal punto della circolazione globale, torniamo per un attimo sulla variabilità intrastagionale MJO. L'indebolimento dei venti orientali che ha fatto approdare in Micronesia una Kelvin wave lo scorso marzo, rimosse l'anomala HP sul nord Pacifico con asse promontorio centrato sull'Alaska. Tanto è vero che una saccatura si spalmò verso est (centro-est US) in aprile. Adesso è avvenuta la stessa identica cosa con la MJO approdata in centro-est Pacifico, infatti di nuovo l'anomala HP sul nord Pacifico è stata rimossa da una saccatura si è allungata sul centro-est US andando a far saltare il primo outlook NOAA, in cui si vedeva un gran secco e caldo a sud-ovest, tra California, Nevada, Utah e Nuovo Maxico. Il nuovo outlook trimestrale NOAA ha rivisto questo secco e caldo più centrato sugli stati centrali dal Texas in su.

    Usa outlook.PNG
    Questo blocco sul nord Pacifico venne ripristinato il mese successivo, in maggio. Forse entrò in gioco la pesante anomalia positiva in zona Namias, centro nord Pacifico a nord delle Hawaii che spinse e continua a spingere una PDO leggermente negativa. Possiamo immaginare che anche questa volta il regime sul nord Pacifico rimanga orientato alla dinamicità con saccature che scorrono verso est e poi piegano verso il sud degli States.
    Infine propongo questa analisi di trend, riprendendo sempre la fonte grafica NOAA, su cui però ho messo lo spostamento dei massimi e minimi della convezione intertropicale (blu e rosso rispettivamente). Da osservare come "pericolosamente" la zona di massima convezione inibita approcci da est l'Indonesia. Per esempio, il mar Cinese Meridionale appare da giorni sgombro di nuvolosità convettiva (https://www.lightningmaps.org). La massima convezione è invece a 60°, stagionalmente relativa al monsone indiano ma anche all'IOD- (ovest Indonesia).

    Trend.PNG
    Quel pericoloso riferito alla fase convettiva non lascia presagire nulla di buono in ottica ripercussioni sul quadrante europeo… l’outlook quando dovrebbe uscire?

  8. #18
    Uragano L'avatar di Marcoan
    Data Registrazione
    02/09/03
    Località
    Portogruaro (VE)
    Messaggi
    15,847
    Menzionato
    143 Post(s)

    Predefinito Re: Analisi/aggiornamento NINA 2022

    Citazione Originariamente Scritto da 4ecast Visualizza Messaggio
    Grazie Marco. Non ne ho parlato perchè siamo a un passo dall'uscita dell'Outlook seconda parte, quindi per correttezza eviterei
    Ah Ok.

  9. #19
    Banned
    Data Registrazione
    15/06/21
    Località
    Corridonia (MC)
    Età
    25
    Messaggi
    1,090
    Menzionato
    3 Post(s)

    Predefinito Re: Analisi/aggiornamento NINA 2022

    Citazione Originariamente Scritto da 4ecast Visualizza Messaggio
    Grazie Marco. Non ne ho parlato perchè siamo a un passo dall'uscita dell'Outlook seconda parte, quindi per correttezza eviterei
    Complimenti per la chiareza espositiva oltre che per l'analisi in sé!

  10. #20
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di 4ecast
    Data Registrazione
    23/01/06
    Località
    Ansa dell'Arno
    Messaggi
    12,494
    Menzionato
    34 Post(s)

    Predefinito Re: Analisi/aggiornamento NINA 2022

    Citazione Originariamente Scritto da Repsy Visualizza Messaggio
    Quel pericoloso riferito alla fase convettiva non lascia presagire nulla di buono in ottica ripercussioni sul quadrante europeo… l’outlook quando dovrebbe uscire?
    No per carità, era pericoloso per la negatività in sé dell'indice nel breve. Comunque rispondendo anche a Marco, avwre una Nada ora non è che possa creare chissà quali stravolgimenti rispetto al pattern uscito da una Nina consolidata da 2,5 anni.

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •