Pagina 108 di 123 PrimaPrima ... 85898106107108109110118 ... UltimaUltima
Risultati da 1,071 a 1,080 di 1223
  1. #1071
    Vento forte L'avatar di galinsog@
    Data Registrazione
    18/03/19
    Località
    GB
    Messaggi
    4,822
    Menzionato
    86 Post(s)

    Predefinito Re: VORTICE POLARE 2022/23, analisi e prospettive del semestre freddo.

    Citazione Originariamente Scritto da Marcoan Visualizza Messaggio
    Assolutamente d'accordo, come da ultimi paper l'ese cold ha agito ( e, ahimè, agirà ancora) sulla NAO attreaverso il ponte stratosferico....a questo punto mi aspetterei un polar break in terza decade di febbraio , vedremo se con SSW intorno alla metà/fine seconda decade di febbraio....le similitudini col 2018 ( SSW intorno al 14/2/2018, effetti in tropo in terza decade) sono sempre più evidenti....ormai personalmente dò per certo che la prima decade di febbraio passerà con NAO+ e hp, molto probabilmente un hp non esasperato in termini di gpt e valori termici a 850 (almeno , forse, faremo minime decenti in padana )
    Sì, Marco, che uno SC massivo e una bassa stratosfera estremamente fredda possano influire sul regime NAO è senz'altro plausibile, ma oggi come 5 anni fa l'inizio del periodo in NAO+ ha preceduto di alcuni giorni il superamento della soglia NAM. Questo secondo me è più che sufficiente per escludere il condizionamento, perlomeno nella forma che abbiamo visto in atto l'inverno scorso o nel 2019/2020 (e anche nelle forme più anomale e meno "impattanti", perché tardive del 2020/2021 e del 2010/2011). Tra l'altro a differenza del 2017/2018 vedo una colonna atmosferica meno propensa ad assecondare eventuali dinamiche propagative S->T per cui sono molto più pessimista sul finale di stagione... comunque dopo il riscaldamento assisteremo a una fase di contrazione e raffreddamento che avrà verosimilmente effetti su tutta la prima decade di febbraio e probabilmente pure su buona parte della seconda.

  2. #1072
    Vento teso L'avatar di Sandro58
    Data Registrazione
    28/10/08
    Località
    Roma
    Età
    66
    Messaggi
    1,996
    Menzionato
    5 Post(s)

    Predefinito Re: VORTICE POLARE 2022/23, analisi e prospettive del semestre freddo.

    Citazione Originariamente Scritto da Bortan Visualizza Messaggio
    Come no ...ha condizionato sicuramente l' indice NAO ...che poi la mia sia una curiosità , l' ho anche evidenziato ...nn si può dire che in questo ese cold la stratosfera nn abbia minimamente condizionato la troposfera ...in maniera diversa ...ed ha influito anche se fuori dall' ESE cold , sempre sulla NAO nella dinamica dislocativa post warming ...
    Scusa Bortan ma io non capisco questo "accanimento terapeutico" su soglie e sogliette che determinerebbero chissà che cosa ! Bunicorn ha mostrato che non siamo arrivati a condizioni critiche, la colonna NAM NON è andata a extreme strong vortex sulla colonna (tutti gli studi sulle condizioni estreme nascono x la reanalisi di questi tipi di eventi, tipo quello del 21-22 o 19-20), a 30hpa manco ci siamo arrivati mai a NAM >1,5 x 10gg, forse 1, forse (studi recenti di classificazione), in troposfera raramente siamo arrivati a NAM appena positiva.

    Il tuo riferimento al "fantomatico" "ponte stratosferico" che determina la NAO+ (o - quando è opposto) rigurda tutte le condizioni del VPS, NON solo quelle eventualmente estreme, la NAO diventa positiva quando le linee di flusso battono sulla Groenlandia e innescano la formazione orografica islandese, SEMPRE, inverno, primavera e pure estate, con o senza VPS !!! Che ci siano "ingerenze" della stratosfera sulla troposfera è certo e ovvi, essendo un unica colonna e tanti studi hanno evidenziato una "certa" relazione tra gli stati zonali stratosferici e quelli troposferici, + forti queste relazioni in caso di NAM- stratosferica, meno buona x quelle +, ma sappiamo che in tropopausa abbiamo vari tipi di scambi termodinamici e una stratosfera che "faciliti" flussi a battente groenlandese danno man forte alla troposfera, esaltano le linee eventualmente gia semi-zonali troposferiche, mentre tenderanno a contratare, attutire situazioni troposferiche diverse ... ma qui non c'entra un accidenti se abbiamo o non abbiamo avuto un evento estremo stratosferico, di CERTO NON lo abbiamo avuto sulla colonna (secondo gli studi B&W dove nacque il fatidico NAM 1,5 a 10hpa), quindi NON abbiamo avuto un extrem strong vortex event e i dati di Bunicorn lo certificano .... cosa abbiamo avuto ? Una stratosfera forte e vorticosa che ha dato vorticità locali e generali anche in basso ... la dove è riuscita a ostacolare, esaltare la troposfera e quando no ... tutto qui, è normale amministrazione, specie da adesso in cui la strato sta andando in fase debole e disassata e poi certamente molto meno "intensa" in vorticità, gph e temp ... insomma la NAO ha attinenza molto + con la Nina che con la strato, sono anni che abbiamo NAO+ molto frequente, ma in OGNI stagione, non solo inverno, che c'azzecca la stratosfera ?

  3. #1073
    Vento forte
    Data Registrazione
    08/09/14
    Località
    ancona
    Età
    68
    Messaggi
    4,319
    Menzionato
    50 Post(s)

    Predefinito Re: VORTICE POLARE 2022/23, analisi e prospettive del semestre freddo.

    Ora la domanda e' post Minor contrazione e fine dei giochi o meno...?

  4. #1074
    Uragano L'avatar di Marcoan
    Data Registrazione
    02/09/03
    Località
    Portogruaro (VE)
    Messaggi
    15,847
    Menzionato
    143 Post(s)

    Predefinito Re: VORTICE POLARE 2022/23, analisi e prospettive del semestre freddo.

    Non c'è nulla di "fantomatico" riguardo al "ponte stratosferico" che agirebbe assai più sul segno della NAO che non su quello della AO, basterebbe leggersi i paper più recenti usciti a tal proposito senza tanti discorsi e interpretazioni personalistiche che definirei presuntuose visto che penso che chi studia ste cose ne sappia ben più di chiunque qua dentro.

  5. #1075
    Vento forte L'avatar di galinsog@
    Data Registrazione
    18/03/19
    Località
    GB
    Messaggi
    4,822
    Menzionato
    86 Post(s)

    Predefinito Re: VORTICE POLARE 2022/23, analisi e prospettive del semestre freddo.

    Citazione Originariamente Scritto da sponsi Visualizza Messaggio
    Ora la domanda e' post Minor contrazione e fine dei giochi o meno...?
    Dipende dal range temporale, sicuramente saremo fuori dai veri giochi invernali almeno per tutta la prima decade di febbraio... il determinismo dei modelli non consente di intuire granché sul seguito, GFS/GEFS che è l'unico che si spinga fin verso la fine della prima decade ha spread crescenti (>180 ore) e spaghi che divergono moltissimo proprio a fine corsa ed è ovvio che sia così. Per come la vedo io, posto che bisognerà capire cosa accadrà post-riassorbimento del SSW, è praticamente certa una nuova contrazione e un nuovo raffreddamento i cui effetti e la cui entità si capiranno solo tra alcuni giorni e tali effetti in termini di circolazione atmosferica potrebbero variare tantissimo a seconda di quel che nel frattempo accadrà in troposfera. Il rischio è che, per la prima volta dall'inizio dell'inverno meteorologico, bassa stratosfera e troposfera siano ben sincronizzate e avvenga un ulteriore e più massivo trasferimento di moto angolare e velocità potenziali, in tal caso la stagione potrebbe davvero concludersi con una fase circolatoria improntata a un VP forte (forte positività AO e NAO). Sinceramente la tendenza a far partire i count-down dal periodo natalizio (ossia dal momento dell'ESE parametrato al valore NAM > 1,5), e far questo per trovare per forza sbocchi o spiragli "invernali" tra seconda e terza decade di febbraio, mi sembra un po' una forzatura e l'eventuale tendenza agli upper-warming, nonché l'avanzamento stagionale, in termini anche di reazioni fotochimiche in alta stratosfera, sono al massimo parte di un "supporto statistico" che non ci da nessuna concreta indicazione in sede di "prognosi"... per cui mi fermerei al determinismo dei modelli e lascerei aperte tutte le possibilità senza entusiasmarsi e senza deprimersi...
    Ultima modifica di galinsog@; 25/01/2023 alle 13:26

  6. #1076
    Vento teso L'avatar di Sandro58
    Data Registrazione
    28/10/08
    Località
    Roma
    Età
    66
    Messaggi
    1,996
    Menzionato
    5 Post(s)

    Predefinito Re: VORTICE POLARE 2022/23, analisi e prospettive del semestre freddo.

    Citazione Originariamente Scritto da Marcoan Visualizza Messaggio
    Non c'è nulla di "fantomatico" riguardo al "ponte stratosferico" che agirebbe assai più sul segno della NAO che non su quello della AO, basterebbe leggersi i paper più recenti usciti a tal proposito senza tanti discorsi e interpretazioni personalistiche che definirei presuntuose visto che penso che chi studia ste cose ne sappia ben più di chiunque qua dentro.
    Infatti Marco, basta leggere, io leggo. Basta leggere e ci si rende conto che alcuni studi sulle relazioni stratosfera - indice NAO hanno discrete correlazioni per la NAO- (vortice weak) e molto meno con NAO+.
    Basta leggere x capire che Extreme Strong Vortex event sono tutti quelli che hanno avuto NAM+ su tutta la colonna (anche la NAO+ che è correlata a 0,8 con la AO) e che questo sottoindente taluni comportamenti troposferici precedenti.
    Basta leggere e non esiste alcun "stratospheric bridge" in letteratura.
    Basta leggere x capire che gli studi sulla NAO ANCHE agevolata, aiutata, dalla stratosfera, NON riguardano le condizioni estreme, ma SEMPRE, secondo le condizioni specifiche +/- zonali.
    Tutto qui. Arrampicarsi sugli specchi x giustificare "terminologia" forumistica, negare le evidenze scientifiche dei principali paper sul tema, a partire da B&W e P&D, non fa un buon servizio alla meteorologia.

  7. #1077
    Brezza leggera L'avatar di Bortan
    Data Registrazione
    15/12/20
    Località
    Casanova di rovegno ( GE )
    Età
    50
    Messaggi
    318
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: VORTICE POLARE 2022/23, analisi e prospettive del semestre freddo.

    Comunque terrei d' occhio la ciambella nei prossimi forecast del determinismo perché potrebbe avere effetti anche sul vp.

  8. #1078
    Vento forte L'avatar di galinsog@
    Data Registrazione
    18/03/19
    Località
    GB
    Messaggi
    4,822
    Menzionato
    86 Post(s)

    Predefinito Re: VORTICE POLARE 2022/23, analisi e prospettive del semestre freddo.

    Citazione Originariamente Scritto da Bortan Visualizza Messaggio
    Comunque terrei d' occhio la ciambella nei prossimi forecast del determinismo perché potrebbe avere effetti anche sul vp.
    Be', sarebbe una delle possibili conseguenze del SSW e del displacement, rafforzamento del lobo nordamericano e suo avanzamento verso Sud, con forti anomalie negative su USA settentrionali e nord-orientali e grandi pianure canadesi, creazione di un circuito antizonale in sede polare e rafforzamento del getto in uscita dal Labrador e da Terranova con esasperazione della fase zonale in N-Atl, ma dovremmo vedere anche un notevole calo dell'AO (con una NAO che invece si mantiene positiva) però tale calo è presente solo in alcuni spaghi del cluster NCEP...
    Ultima modifica di galinsog@; 25/01/2023 alle 15:31

  9. #1079
    Uragano L'avatar di Marcoan
    Data Registrazione
    02/09/03
    Località
    Portogruaro (VE)
    Messaggi
    15,847
    Menzionato
    143 Post(s)

    Predefinito Re: VORTICE POLARE 2022/23, analisi e prospettive del semestre freddo.

    Citazione Originariamente Scritto da Bortan Visualizza Messaggio
    Comunque terrei d' occhio la ciambella nei prossimi forecast del determinismo perché potrebbe avere effetti anche sul vp.
    Temi un nuovo rafforzamento per inibizione degli heat flux?

  10. #1080
    Brezza leggera L'avatar di bunicorn
    Data Registrazione
    25/07/20
    Località
    RE
    Messaggi
    351
    Menzionato
    3 Post(s)

    Predefinito Re: VORTICE POLARE 2022/23, analisi e prospettive del semestre freddo.

    Gli indici come la NAO e l'AO sono importanti, ma è la dinamica sviluppata dal VP che da il al valore agli indici.
    Faccio un esempio banale per capire.
    Un' AO che assume un valore di -3 indica una dislocazione del VP rispetto al pattern storico, ma non dice come il VP è dislocato.
    Negli ultimi anni abbiamo assistito frequentemente ai famigerati blob anticiclonici, che spesso migravano sul polo (poiché sostanzialmente portati da una stroncata attività dell'onda aleutinica)
    Quei blob fanno crollare l'AO, ma non fanno generalmente dislocare il VP perché se andiamo ad analizzare il pattern storico dell'AO, beh, sul polo di solito non trovi anticicloni.
    La NAO è una roba ultimamente pensata similmente all'AO (in realtà è passata attraverso alcune formulazioni differenti), però riguarda la sola area Atlantica.
    E' chiaro che, poiché il VP vive una dinamica differente dal passato, anche (e soprattutto) la NAO va interpretata in quell'ottica, perché la NAO non "vive" una vita propria.
    Quest'anno abbiamo avuto un Dicembre con un'onda aleutinica vivace ma sostanzialmente inefficace poiché sempre fuori sede e ciò non ne ha permesso la stazionarietà.
    Poi vi è stata una pausa da fine Dicembre sino metà Gennaio, con un VP un po' più compatto, ma l'AO comunque è rimasto sempre basso.
    Infine dopo la metà di Gennaio è ripartita l'azione delle onde, che ha portato, tra l'altro, al peggioramento anche sul Mediterraneo.
    In tutto ciò, dove piazzate il presunto condizionamento stratosferico?
    I flussi sono molto indicativi dello stato dei due settori atmosferici (strato/tropo) e sono comunque la sintesi dell'attività zonale delle onde.
    Quindi meglio farsi suggerire l'andamento da quelli che focalizzarsi su aree specifiche dell'emisfero.
    Africanum HP delendum est.
    https://Arasky.it

    Youtube

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •