Pagina 53 di 110 PrimaPrima ... 343515253545563103 ... UltimaUltima
Risultati da 521 a 530 di 1095
  1. #521
    Vento fresco L'avatar di Diego 14
    Data Registrazione
    11/01/17
    Località
    Sant'Ilario d'enza (RE)
    Età
    20
    Messaggi
    2,394
    Menzionato
    13 Post(s)

    Predefinito Re: VORTICE POLARE 2022/23, analisi e prospettive del semestre freddo.

    Sono curioso di vedere gli effetti tangibili sul getto in uscita dal pacifico del potente gradiente di pressione dovuto allo sviluppo del sh
    gfs_uv250_ea_fh30-192.gif
    Ultima modifica di Diego 14; 25/11/2022 alle 06:10

  2. #522
    Vento teso L'avatar di Sandro58
    Data Registrazione
    28/10/08
    Località
    Roma
    Età
    64
    Messaggi
    1,990
    Menzionato
    5 Post(s)

    Predefinito Re: VORTICE POLARE 2022/23, analisi e prospettive del semestre freddo.

    Citazione Originariamente Scritto da jack9 Visualizza Messaggio
    ... Ti faccio un esempio: Sandro pensa che sia più probabile un MMW piuttosto che un ESE Cold, anche al netto di una QBO non proprio a favore di ciò (che però conta relativamente, si veda il 2009).
    ....
    Ciao Jack, ho visto che mi hai citato, io frequento molto di rado questo forum, non amo gli spazi affollati ... Si, ho pensato che possa essere una soluzione da monitorare nonostante alcuni elementi "non facilitanti" ... per 2 motivi: il primo è l'andamento che da metà ottobre ha avuto la troposfera (troppo lungo da spiegare ma diciamo che pressioni scand possono essere importanti), il secondo la buona similitudine teleconnettiva con alcuni anni, tra cui il 2008-9 che ebbe proprio questa soluzione in gennaio. Tra questi altri anni ci sono anche altre soluzioni con VP mediamnte + forte. vedremo come vanno le cose, x ora i flussi a 100hpa sono normali, si inizia a ballare proprio da questi giorni con fase negativa e poi risposta positiva ... presto x capire cosa succederà.

  3. #523
    Uragano L'avatar di jack9
    Data Registrazione
    12/12/08
    Località
    Seregno (MB)
    Età
    31
    Messaggi
    25,110
    Menzionato
    402 Post(s)

    Predefinito Re: VORTICE POLARE 2022/23, analisi e prospettive del semestre freddo.

    Citazione Originariamente Scritto da Sandro58 Visualizza Messaggio
    Ciao Jack, ho visto che mi hai citato, io frequento molto di rado questo forum, non amo gli spazi affollati ... Si, ho pensato che possa essere una soluzione da monitorare nonostante alcuni elementi "non facilitanti" ... per 2 motivi: il primo è l'andamento che da metà ottobre ha avuto la troposfera (troppo lungo da spiegare ma diciamo che pressioni scand possono essere importanti), il secondo la buona similitudine teleconnettiva con alcuni anni, tra cui il 2008-9 che ebbe proprio questa soluzione in gennaio. Tra questi altri anni ci sono anche altre soluzioni con VP mediamnte + forte. vedremo come vanno le cose, x ora i flussi a 100hpa sono normali, si inizia a ballare proprio da questi giorni con fase negativa e poi risposta positiva ... presto x capire cosa succederà.
    Ciao Sandro, è un piacere! Non a caso se ne parlava anche nell’altra stanza, anni simili tra cui lo 08-09. Ma convengo con te che sia prestissimo..
    alla prossima!
    Si vis pacem, para bellum.

  4. #524
    Vento fresco L'avatar di Cloover
    Data Registrazione
    31/07/06
    Località
    montecatini(pt)
    Età
    46
    Messaggi
    2,310
    Menzionato
    6 Post(s)

    Predefinito Re: VORTICE POLARE 2022/23, analisi e prospettive del semestre freddo.

    Notiamo, rispetto agli ultimi 9anni, una decisa intrusività delle onde sopra i 60°N, schema prodromico di un VP sicuramente in estrema difficoltà.
    Probabilmente Dicembre sarà condizionato da questo schema, con un blocco zonale a caratterizzare il WR Euro/Atlantico:





    Filippo Casciani previsore di Meteodue.it/

  5. #525
    Vento teso L'avatar di Sandro58
    Data Registrazione
    28/10/08
    Località
    Roma
    Età
    64
    Messaggi
    1,990
    Menzionato
    5 Post(s)

    Predefinito Re: VORTICE POLARE 2022/23, analisi e prospettive del semestre freddo.

    Si Cloover, è una delle cose che avevo notato in troposfera (tu metti la 100 che ben definisce i confini tropo-strato), fin da metà ottobre, proprio x questo non mi sono sentito di escludere una situazione "simil 2008-9" che possa portare a soluzione estrema positiva (warm, metà gennaio??) ... certamente la QBO- ostacola il buon fluire dei flussi emisferici e quindi è da prendere solo come una ipotesi di studio, ma certamente la storia avvenuta è "buona", ora vediamo come proseguiranno le cose, senza preclusioni xhè spesso sono delle casualità a definire gli andamenti e quelle non possiamo in alcun modo prevederle (un grosso strappo a goccia in zone sensibili x parecchio tempo, una rossby potente e perdurante che spunta all'improvviso, una potente azione sulle mountine torque, specie siberiane ..ecc..).

  6. #526
    Vento fresco L'avatar di Cloover
    Data Registrazione
    31/07/06
    Località
    montecatini(pt)
    Età
    46
    Messaggi
    2,310
    Menzionato
    6 Post(s)

    Predefinito Re: VORTICE POLARE 2022/23, analisi e prospettive del semestre freddo.

    Citazione Originariamente Scritto da Sandro58 Visualizza Messaggio
    Si Cloover, è una delle cose che avevo notato in troposfera (tu metti la 100 che ben definisce i confini tropo-strato), fin da metà ottobre, proprio x questo non mi sono sentito di escludere una situazione "simil 2008-9" che possa portare a soluzione estrema positiva (warm, metà gennaio??) ... certamente la QBO- ostacola il buon fluire dei flussi emisferici e quindi è da prendere solo come una ipotesi di studio, ma certamente la storia avvenuta è "buona", ora vediamo come proseguiranno le cose, senza preclusioni xhè spesso sono delle casualità a definire gli andamenti e quelle non possiamo in alcun modo prevederle (un grosso strappo a goccia in zone sensibili x parecchio tempo, una rossby potente e perdurante che spunta all'improvviso, una potente azione sulle mountine torque, specie siberiane ..ecc..).

    Si, credo anch'io che potremmo arrivare ad un ESE come 2^ step.... Dicembre in Stratosfera probabilmente vedrà una fase interlocutoria, con una dinamica ancora poco efficiente nei processi di propagazione d'onda ed un VPS che tutto sommato avrà il ruolo di spettatore in questa prima fase.... Un salutone Sandro
    Filippo Casciani previsore di Meteodue.it/

  7. #527
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di mat69
    Data Registrazione
    07/03/04
    Località
    Genova
    Età
    53
    Messaggi
    7,593
    Menzionato
    52 Post(s)

    Predefinito Re: VORTICE POLARE 2022/23, analisi e prospettive del semestre freddo.

    Citazione Originariamente Scritto da mat69 Visualizza Messaggio
    Osservando da oggi anche il medio lungo termine si intravedono 3 step:


    1. fase forzante attuale (AAM+/Mjo/PNA+) con effetti su un rinforzo di W1 ma in remissione;
    2. Fase di raffreddamento con approfondimento del vps in alta e medio alta stratosfera (1/10 hpa) e con bilobazione in media stratosfera (30/50 hpa) e aumento del w.numer alle quote inferiori - da fine mese al 7-10/12
    3. nuova fase di riemersione del del disturbo su w1 e possibile minor warming a partire dall'alto e interruzione del processo di raffreddamento del vps


    Al termine del secondo step il valore barico del vps sarà molto vicino alla soglia dello strat cooling a 10 hpa.
    Questo possibile tracciato temporale segue il percorso indicato dalle anomalìe di momento angolare che mostrano la caduta di tensione del getto come fatto temporaneo. Parimenti questa oscillazione dovrebbe ripercuotersi su PNA (in crollo ma poi in ripresa) e sulle dinamiche convettive della Mjo.

    Vediamo
    Riprendo da questo mio post per evidenziare quanto detto in merito ai possibili step evolutivi indicati.

    E' del tutto evidente che la fase forzante descritta dai principali indici a livello emisferico sia l'artefice dell'attuale e prossima futura configurazione nel comparto atlantico dove il segno negativo della nao sia effetto del forcing avvenuto in sede pacifica e ben indicato da PNA risalito e poi in nuova fase di repentino calo:

    download (1).pngdownload (2).png
    A far da contorno la fase + del AAM che ha prodotto, grazie al momento positivo del Mountain Torque asiatico, un disturbo in grado di rinforzare, seppure in modo temporaneo, la prima cresta dell'onda planetaria , risolvendo (1) la dissipazione di flusso verticale di calore avuta ad oggi e strutturando (2) un trasporto di calore e momento in grado di rivelarsi maggiormente intrusivo anche in stratosfera alle quote più elevate

    GWO_members_current.pngCattura.JPG

    (1)

    1.JPG2.JPG

    Se si può dire che ad oggi non vi siano segnali evidenti di un low flux nel passaggio in bassa stratosfera (ma neppure lo scorso anno fino ad oggi c'era stato!), l'eccessiva canalizzazione dei flussi indotti dalla debolezza di w1 producendo un elevato w.number in troposfera, ha prodotto scarso trasporto di eddy efficaci a dar sostegno alla principale onda planetaria e in tal senso il secondo grafico (heat su 1/2/3 w) è piuttosto chiaro.

    Tornando alle premesse iniziali, la ripresa di w1, riducendo l'eccessiva frammentazione e canalizzazione verticale dei flussi, sta attualmente incidendo anche in alta stratosfera laddove il forcing appare oggi esistente:

    gfs_nh-epvstream_1500K_20221126_f000.png

    Si tratta tuttavia, come detto, di una ripresa solo temporanea e il crollo su valori molto bassi del PNA e la stessa neutralizzazione della fase positiva di momento angolare mettono in evidenza un ritorno ad un wave number più elevato e un repentino raffreddamento della stratosfera nei piani medio alti ed alti.

    T_2022120600_F240_ZMEAN.png
    Si ritornerà nell'arco dei prossimi 10 giorni ad una configurazione 2 waves pattern in media stratosfera e ad una progressiva risoluzione del disturbo alle quote più elevate proprio a causa delle remissione di w1.

    ecmwf_z50_anom_nh_240.pngecmwf_z10_anom_nh_240.png

    Il minor warming visibile in stratosfera che contribuirà persino ad un'inversione del gradiente termico rappresenta, a tutte le quote, un sostanziale svuotamento di vorticità del settore canado groenlandese.

    Il minor contributo dei flussi di calore all'interno della prima decade di dicembre, fa pensare ad una progressiva risoluzione del disturbo con gran parte della massa del vortice polare in rotazione in senso antiorario dall'artico orientale verso il polo geografico.

    Il comportamento della troposfera proprio a questo punto (che rappresenta l'inizio del 3° step) sarà dirimente per riuscire a comprendere se e in che misura la ripresa dei flussi di calore potrà riuscire ad evitare un raffreddamento eccessivo del vortice polare ad iniziare dalle quote più elevate della stratosfera (già arrivate a quel punto ad un notevole raffreddamento).
    In tal senso la ripresa della fase positiva di momento angolare descritta dal grafico, sarà essenziale per vedere se la troposfera possa riuscire o meno a strutturare disturbi di rilievo al vps prima di un previsto calo del diagramma inquadrato verso la fine dell'anno....

    Ci aggiorneremo.
    Matteo



  8. #528
    Tempesta violenta L'avatar di Fabry18
    Data Registrazione
    23/02/06
    Località
    Tagliacozzo (AQ)
    Messaggi
    13,348
    Menzionato
    40 Post(s)

    Predefinito Re: VORTICE POLARE 2022/23, analisi e prospettive del semestre freddo.

    Citazione Originariamente Scritto da mat69 Visualizza Messaggio
    Riprendo da questo mio post per evidenziare quanto detto in merito ai possibili step evolutivi indicati.

    E' del tutto evidente che la fase forzante descritta dai principali indici a livello emisferico sia l'artefice dell'attuale e prossima futura configurazione nel comparto atlantico dove il segno negativo della nao sia effetto del forcing avvenuto in sede pacifica e ben indicato da PNA risalito e poi in nuova fase di repentino calo:

    download (1).pngdownload (2).png
    A far da contorno la fase + del AAM che ha prodotto, grazie al momento positivo del Mountain Torque asiatico, un disturbo in grado di rinforzare, seppure in modo temporaneo, la prima cresta dell'onda planetaria , risolvendo (1) la dissipazione di flusso verticale di calore avuta ad oggi e strutturando (2) un trasporto di calore e momento in grado di rivelarsi maggiormente intrusivo anche in stratosfera alle quote più elevate

    GWO_members_current.pngCattura.JPG

    (1)

    1.JPG2.JPG

    Se si può dire che ad oggi non vi siano segnali evidenti di un low flux nel passaggio in bassa stratosfera (ma neppure lo scorso anno fino ad oggi c'era stato!), l'eccessiva canalizzazione dei flussi indotti dalla debolezza di w1 producendo un elevato w.number in troposfera, ha prodotto scarso trasporto di eddy efficaci a dar sostegno alla principale onda planetaria e in tal senso il secondo grafico (heat su 1/2/3 w) è piuttosto chiaro.

    Tornando alle premesse iniziali, la ripresa di w1, riducendo l'eccessiva frammentazione e canalizzazione verticale dei flussi, sta attualmente incidendo anche in alta stratosfera laddove il forcing appare oggi esistente:

    gfs_nh-epvstream_1500K_20221126_f000.png

    Si tratta tuttavia, come detto, di una ripresa solo temporanea e il crollo su valori molto bassi del PNA e la stessa neutralizzazione della fase positiva di momento angolare mettono in evidenza un ritorno ad un wave number più elevato e un repentino raffreddamento della stratosfera nei piani medio alti ed alti.

    T_2022120600_F240_ZMEAN.png
    Si ritornerà nell'arco dei prossimi 10 giorni ad una configurazione 2 waves pattern in media stratosfera e ad una progressiva risoluzione del disturbo alle quote più elevate proprio a causa delle remissione di w1.

    ecmwf_z50_anom_nh_240.pngecmwf_z10_anom_nh_240.png

    Il minor warming visibile in stratosfera che contribuirà persino ad un'inversione del gradiente termico rappresenta, a tutte le quote, un sostanziale svuotamento di vorticità del settore canado groenlandese.

    Il minor contributo dei flussi di calore all'interno della prima decade di dicembre, fa pensare ad una progressiva risoluzione del disturbo con gran parte della massa del vortice polare in rotazione in senso antiorario dall'artico orientale verso il polo geografico.

    Il comportamento della troposfera proprio a questo punto (che rappresenta l'inizio del 3° step) sarà dirimente per riuscire a comprendere se e in che misura la ripresa dei flussi di calore potrà riuscire ad evitare un raffreddamento eccessivo del vortice polare ad iniziare dalle quote più elevate della stratosfera (già arrivate a quel punto ad un notevole raffreddamento).
    In tal senso la ripresa della fase positiva di momento angolare descritta dal grafico, sarà essenziale per vedere se la troposfera possa riuscire o meno a strutturare disturbi di rilievo al vps prima di un previsto calo del diagramma inquadrato verso la fine dell'anno....

    Ci aggiorneremo.
    Rischiamo grosso Mat..ma era nei programmi che quest’anno (come gli ultimi 15 mi viene da dire ma vabbè) avremmo avuto terreno fertile per una dinamica di approfondimento. La speranza era raccogliere qualcosa a dicembre ma d’occhio ci dice male


    Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

  9. #529
    Burrasca L'avatar di luca_mo
    Data Registrazione
    03/10/10
    Località
    Modena
    Età
    29
    Messaggi
    5,080
    Menzionato
    8 Post(s)

    Predefinito Re: VORTICE POLARE 2022/23, analisi e prospettive del semestre freddo.

    Nulla di nuovo sotto al sole anche quest'anno quantomeno a livello di comportamento della Stratosfera
    "Una NAO persistentemente negativa può favorire il wave break del VPS ed indebolirlo con conseguente predisposizione del pattern AO-, introducendo così una sorta di feedback che si ripercuote sul segno della stessa NAO e sulle SSTA atlantiche."

  10. #530
    Tempesta violenta L'avatar di Marcoan
    Data Registrazione
    02/09/03
    Località
    Portogruaro (VE)
    Messaggi
    13,572
    Menzionato
    113 Post(s)

    Predefinito Re: VORTICE POLARE 2022/23, analisi e prospettive del semestre freddo.

    Citazione Originariamente Scritto da luca_mo Visualizza Messaggio
    Nulla di nuovo sotto al sole anche quest'anno quantomeno a livello di comportamento della Stratosfera
    Di nuovo c'è il "sotto" che è ben diverso dallo scorso anno ed è quello che comanda.

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •