Il Mediterraneo diverrebbe sede di frequenti bombe insomma, tra aria rovente africana (il resto del mondo continuerà a scaldarsi) e aria molto fredda nordatlantica.
Un'Europa stile USA si rischia, come questo mese