Risultati da 1 a 2 di 2
  1. #1
    Vento fresco L'avatar di Diego 14
    Data Registrazione
    11/01/17
    Località
    Sant'Ilario d'enza (RE)
    Età
    22
    Messaggi
    2,499
    Menzionato
    17 Post(s)

    Predefinito Estate 2024: analisi e considerazioni

    Buona domenica a tutti!
    Come ormai da tradizione, provo a buttare giù qualche considerazione sui fattori principali che potrebbero caratterizzare l’estate entrante.
    In primo piano abbiamo il declino di El Nino (decaying phase) con proiezioni estive che mostrano una persistenza in neutralità in area 3.4.
    20240528.sstOutlooks_nino34.png
    La variabilità estiva delle precipitazioni a livello tropicale viene definita dalla boreal summer intraseasonal oscillation (BSISO).
    bsiso.JPG
    Anomalie OLR per ogni fase BSISO.

    Le fasi di El Nino decaying tendono ad inibire la convezione/propagazione delle precipitazioni nell’ovest Pacifico (fasi 6-7-8). La causa principale potrebbe essere il vasto anticiclone presente in loco chiamato western North Pacific anomalous anticyclone (WNPAC), tipico di El Nino e mantenuto anche dal feedback con l’oceano Indiano (Indian Ocean capacitor effect). I modelli stagionali inquadrano entrambi i punti appena descritti.
    ps2png-worker-commands-7cdfdbbf6c-rsjbj-6fe5cac1a363ec1525f54343b6cc9fd8-IB5ueB.png
    mslp.JPG

    In concomitanza della maturazione stagionale (JAS), si nota anche un monsone indiano (Indian Summer Monsoon - ISM) vivace, coerente con le considerazioni iniziali e con lo sviluppo progressivo della Nina (Nina developing phase).
    Inoltre, sempre dalle precipitazioni, si evince un surplus anche nella zona del plateau tibetano. La forte convezione in queste aree aumenta la probabilità di sviluppare treni d’onda che si propagano per tutto l’emisfero nord (Circumglobal Teleconnection – CGT).
    Infine, abbiamo anche un’altra possibile sorgente d’onda nell’area dell’Atlantic Nino.
    A livello extratropicale sembra esserci ancora una buona tensione zonale, ottima per scongiurare pattern ad altro wavenumber.
    Quindi potrei ipotizzare un minore coinvolgimento dell’Italia da parte di heat waves estreme, se non per le aree a sud est ma senza eccessiva persistenza ed in accordo anche con le attuali anomalie di soil moisture.
    Questa è una mappa moooolto indicativa ed ovviamente irrealizzabile
    Proiezione.JPG
    Scusate se sono stato parecchio sintetico ma non sono riuscito ad approfondire e scrivere più tanto per via del poco tempo

  2. #2
    Brezza leggera
    Data Registrazione
    08/05/23
    Località
    san zenone degli ezzelini
    Età
    35
    Messaggi
    307
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Estate 2024: analisi e considerazioni

    Citazione Originariamente Scritto da Diego 14 Visualizza Messaggio
    Buona domenica a tutti!
    Come ormai da tradizione, provo a buttare giù qualche considerazione sui fattori principali che potrebbero caratterizzare l’estate entrante.
    In primo piano abbiamo il declino di El Nino (decaying phase) con proiezioni estive che mostrano una persistenza in neutralità in area 3.4.
    20240528.sstOutlooks_nino34.png
    La variabilità estiva delle precipitazioni a livello tropicale viene definita dalla boreal summer intraseasonal oscillation (BSISO).
    bsiso.JPG
    Anomalie OLR per ogni fase BSISO.

    Le fasi di El Nino decaying tendono ad inibire la convezione/propagazione delle precipitazioni nell’ovest Pacifico (fasi 6-7-8). La causa principale potrebbe essere il vasto anticiclone presente in loco chiamato western North Pacific anomalous anticyclone (WNPAC), tipico di El Nino e mantenuto anche dal feedback con l’oceano Indiano (Indian Ocean capacitor effect). I modelli stagionali inquadrano entrambi i punti appena descritti.
    ps2png-worker-commands-7cdfdbbf6c-rsjbj-6fe5cac1a363ec1525f54343b6cc9fd8-IB5ueB.png
    mslp.JPG

    In concomitanza della maturazione stagionale (JAS), si nota anche un monsone indiano (Indian Summer Monsoon - ISM) vivace, coerente con le considerazioni iniziali e con lo sviluppo progressivo della Nina (Nina developing phase).
    Inoltre, sempre dalle precipitazioni, si evince un surplus anche nella zona del plateau tibetano. La forte convezione in queste aree aumenta la probabilità di sviluppare treni d’onda che si propagano per tutto l’emisfero nord (Circumglobal Teleconnection – CGT).
    Infine, abbiamo anche un’altra possibile sorgente d’onda nell’area dell’Atlantic Nino.
    A livello extratropicale sembra esserci ancora una buona tensione zonale, ottima per scongiurare pattern ad altro wavenumber.
    Quindi potrei ipotizzare un minore coinvolgimento dell’Italia da parte di heat waves estreme, se non per le aree a sud est ma senza eccessiva persistenza ed in accordo anche con le attuali anomalie di soil moisture.
    Questa è una mappa moooolto indicativa ed ovviamente irrealizzabile
    Proiezione.JPG
    Scusate se sono stato parecchio sintetico ma non sono riuscito ad approfondire e scrivere più tanto per via del poco tempo
    Una mappa per così dire..alluvionale

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •