Pagina 1 di 7 123 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 66
  1. #1
    Vento fresco
    Data Registrazione
    04/07/07
    Località
    Labico (RM) 350 mslm
    Età
    37
    Messaggi
    2,312
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Facciamo un po di Chiarezza...

    Premessa: Visto che anche gli amministratori del sito hanno ritenuto opportuno pubblicare questo articolo in prima pagina del sito, cosa per cui li ringraziamo sentitamente, pubblichiamo l'articolo anche qui con la speranza, visto l'andazzo degli ultimi mesi, che i contenuti possano rappresentare un punto di partenza per un confronto serio sui temi trattati..senza faccine inopportune e battute o sghignazzi mal celati..cosa di cui si hanno le "scatole" piene. Anche chi credesse di "masticarne" poco su certi argomenti è invitato comunque a fare le sue domande perchè il forum è e deve essere un processo di crescita collettiva ...soprattutto se fatta a livello amatoriale come tutti noi.
    Molti dei temi trattati, per chi volesse trovare maggiori spiegazioni visto l'ampiezza della trattazione, può trovare maggiori informazioni e spunti di approfondimento in questo td specie nelle ultime 7-8 pagine
    Analisi Stratosferica 2012-2013

    Articolo
    Vi sarete accorti, in questi giorni di fermento, che negli “ambienti” della meteo se ne stanno vedendo di tutti i colori: sfoghi da frustrazione collettiva, maledizioni contro gli stratwarming, gente che si accapiglia per stabilire la tipologia esatta del warming. In questo stato di confusione noi crediamo che si stia perdendo un poco il bandolo della matassa: per capire ed inquadrare meglio l’evoluzione futura è molto più importante comprendere le reali dinamiche ed i fenomeni che sono alla base di un evento “straordinario” come un MMW.
    Iniziamo con il chiarire che i riscaldamenti stratosferici, ed in generale movimenti che generano un deciso disturbo del Vortice Polare (VP), sono legati sempre ai fenomeni di propagazione dell’onda planetaria più importante, ovvero l’onda asiatico-pacifica (wave 1). Pertanto, per comprendere a priori le potenzialità di un inverno, basta ricercare le cause che potranno favorire una buona azione della wave 1. Tralasciando i fattori sempre presenti (come ad esempio la catena montuosa dell’Himalaya) i principali fattori variabili da anno in anno che sono maggiormente in grado di guidare l’azione dell’onda sono:
    1) estensione dello snow-cover in area asiatico-siberiana: è risaputo che una copertura nevosa molto estesa su questo settore favorisce la formazione di un forte e persistente anticiclone a carattere termico. La sua presenza costituisce un ulteriore e fondamentale elemento di disturbo nei confronti del getto polare che viene portato così ad oscillare. In particolari condizioni tale oscillazione può arrivare ad approfondirsi portando alla formazione di onde planetarie in grado di propagarsi in alta stratosfera. Se l’onda poi è sufficientemente lunga tale da essere stazionaria, essa tende a stazionare a lungo sul Pacifico, comportando il rafforzamento dell’anticiclone stratosferico delle aleutine (PNA +):

    Tale circostanza spiega il perché della straordinaria validità del predictor di Cohen.
    I fattori che più di tutti sono in grado di modulare il precoce innevamento in area siberiana sono il ciclo ENSO e l’attività solare (vedi predictor AO sviluppato da even nel 2007) . In particolare, come dimostreremo meglio in futuro, è proprio su questo elemento che si basa la forte interazione tra bassa attività solare e clima più rigido in Europa negli anni di prolungata bassa attività solare (vedi PEG).


    2) attività solare e QBO; l’oscillazione dell’attività solare (raggi UV), intervenendo sul processo di produzione dell’ozono stratosferico sulle regioni tropo-equatoriali, è in grado di alterare il regolare processo della SAO (semi-annual-oscillation),andando a modulare il regime dei venti zonali nell’alta stratosfera-mesosfera tropicale. In particolare negli anni di bassa attività solare si registra un indebolimento della SAO, apportando delle ripercussioni sull’intera colonna d’aria: negli anni di QBO negativa l’anomalo indebolimento della SAO tende a rafforzare e a prolungare il regime esterly della QBO (QBO negativa). Tale circostanza aiuta ad avere un medio-basso VPS mediamente meno intenso soprattutto nella prima parte dell’inverno, quando il normale processo di raffreddamento radiativo tende ad approfondire maggiormente il vortice. Tutto ciò si traduce in una riduzione dello wavenumber e dunque in una maggiore possibilità di un approfondimento della wave 1, anche nelle primissime fasi della stagione;


    All’inizio di ogni stagione invernale, contemporaneamente all’approfondimento delle velocità zonali stratosferiche, si sviluppano, proprio in territorio asiatico, le prime onde in grado di apportare i primi disturbi ai danni del VP. Tale circostanza, che impedisce al VP stesso di raggiungere eccessiva intensità, è strettamente correlata alla peculiare conformazione dell’emisfero boreale. In questa fase le onde non hanno caratteristiche tali da risultare stazionarie, e la situazione evolve in una loro rapida traslazione verso il settore canadese, generando i primi CW. Si tratta di un processo fisiologico che porta ad un progressivo indebolimento del VP e che può sfociare, in una fase più avanzata, in un deciso warming stratosferico. Negli anni più sfavorevoli (a livello teleconnettivo), tale processo richiede tempi molto lunghi e risulta pertanto inevitabile la transizione in uno stato da NAM++.
    Al contrario, quando si verificano le circostanze sopra citate (vedi punti 1 e 2), già a fine novembre-inizio dicembre tende ad instaurarsi un’anomala (visto il periodo) wave 1 che porta ad un evoluzione invernale molto diversa e ben più dinamica. Nel cuore della PEG, quando simili configurazioni erano all’ordine del giorno, inverni dinamici ed in molti casi gelidi si presentavano con estrema frequenza (da qui si capisce il vero significato della PEG).
    Per non dilungarci eccessivamente e non perdere troppo di vista la situazione attuale, concentriamoci sulle dinamiche relative alla stagione in corso. Proprio all’inizio dell’inverno (fine novembre), in virtù di uno snow cover straordinariamente esteso, la wave 1 si è presentata da subito particolarmente energetica e discretamente stazionaria, producendo una spiccata ellitticizzazione del VP con precoce tentativo di split.

    Tale circostanza, in considerazione di un quadro generale che vedeva delle velocità zonali discretamente elevate (vedi dinamica di isolamento dell’alto VPS ad inizio novembre), ha portato alla formazione di una fortissima fase DA+, gettando così le base per l’MMW che ci apprestiamo a vivere in questi giorni. Difatti, il VP, al tentativo di bilanciare il momento angolare impressogli dall’intensa fase AD+ , si è trovato ad essere spostato sull’area asiatica dove è stato costretto ad abbassarsi di molto di latitudine, impattando veementemente sul forte hp siberiano e sulla catena dell’Himalaya. Da qui è iniziata la dissipazione di energia cinetica (velocità zonali) in energia termica (attriti) con lo sviluppo di flussi via via sempre più intensi e duraturi in stratosfera.

    La conseguenza diretta consiste naturalmente nello sviluppo di una poderosa onda planetaria a partire dal settore asiatico ed in grado di divenire rapidamente stazionaria sul Pacifico (vedi prima immagine). A livello “indiciale” detta situazione è ben testimoniata da alcuni fattori strettamente correlati con la dinamica di propagazione ed infrangimento della poderosa wave 1:
    1) inversione e rapido approfondimento della circolazione esterly nell’ambito della mesosfera equatoriale;
    2) approfondimento della MJO sui settori pacifici (zone 6 e 7).
    Il grado di approfondimento dell’onda di Kelvin su tali settori è infatti strettamente correlata alla stazionarietà dell’onda pacifica (wave 1) attraverso una famosa circolazione meridiana nota come BDC (Brewer-Dobson-Circulation). Difatti, quando un'onda stazionaria planetaria raggiunge la stratosfera, deposita il suo momento esterly, decelerando la corrente a getto stratosferica invernale che è westerly. In queste occasioni il vortice polare rallenta e può anche essere spostato o splittato. La deposizione di quantità di moto est nella stratosfera polare e il rallentamento del getto polare è conosciuto come "breaking wave". Tale circostanza produce per attrito il fenomeno del riscaldamento stratosferico improvviso. Il risultato è una situazione che è termodinamicamente squilibrata. A questo punto, per ripristinare l’equilibrio radiativo, a partire dall’alta stratosfera inizia rapidamente un processo di raffreddamento. Il raffreddamento dell'aria è accompagnata da movimenti di affondamento, dal momento che l'aria più fredda è più densa e affonda. E' questo movimento che determina lo spostamento d’aria lungo i meridiani dall'equatore al polo nell'emisfero boreale in inverno. Infatti l'aria discendente nella regione polare deve essere bilanciato da un flusso di aria verso verso i poli.
    Per requisiti di continuità di massa, questa aria deve venire dai tropici, e precisamente dalla troposfera tropo-equatoriale. La BDC costituisce dunque quella cella circolazione in cui l’aria tropicale muove verso i poli per sostituire l'aria discendente ai poli. Pertanto, quando una wave 1 stazionaria penetra nella stratosfera polare depositando il suo momento esterly (e producendo un grande warming per attrito), per continuità di massa si ha una forte impennata della BDC con conseguente istantaneo incremento della quantità di aria entrante in stratosfera attraverso la tropopausa equatoriale (di qui il famoso innalzamento della stessa ed aumento della quantità di ozono sul polo). L’improvvisa intensificazione di detti movimenti ascendenti ai tropici portano ad un significativo incremento dell’attività convettiva sui settori centro-occidentali del pacifico, segnalata dal passaggio forte e duraturo della MJO in zona 6 e 7 e da un’ intensificazione della GWO.

    Questo fenomenologia spiega due fatti fondamentali e che in pochissimi conoscono:
    1) per i requisiti di continuità di massa le wave stazionarie in grado di propagarsi in stratosfera sono localizzate sopra i due oceani maggiori. In particolar modo la wave numero 1 (anticiclone stratosferico delle aleutine) è ovviamente collocata sull’oceano maggiore;


    2) negli inverni in cui si manifestano condizioni favorevoli allo sviluppo della wave 1 sul Pacifico è particolarmente favorita la convezione sui settori centro-occidentali. E’ per questo che in questi inverni (che coincidono quasi sempre ad inverni particolarmente freddi e/o nevosi sull’Europa) sul Pacifico si riscontrano condizioni di Nino ovest/Nina est based.


    E' ben noto infatti come l'attività della MJO riesca a modificare il termoclino del pacifico ed in letteratura proprio per tutte queste ragioni viene chiamata guida d'onda. In estate invece, quando al posto del Vortice Polare abbiamo un Anticiclone Stratosferico, la sua attività risulta molto ridotta o praticamente assente in quanto non vi può essere deposito di momento esterliess nella circolazione estiva poichè anch'essa è antizonale: ragione per la quale la BDC nella stagione estiva è notevolmente più debole.


    Tornando nuovamente all’attualità, la formazione di una potente onda stazionaria sul Pacifico (la cui storia parte da almeno metà dicembre), sarà segnalata da un impennata della MJO proprio sopra i suddetti settori in seguito al riassorbimento del warming alle quote superiori (che inizierà proprio a partire dal Pacifico):


    Come nella presente situazione, quando un onda pacifica altamente stazionaria riesce a propagarsi nella prima fase dell’inverno (per via della situazione teleconnetiva di partenza;vedi punti 1 e 2 iniziali) e quindi in un contesto di velocità zonali relativamente alte, la dinamica può facilmente sfociare in uno split (l’onda non riesce e ad “annullare” rapidamente il vortice da sola e deve ricevere l’aiuto dall’opposta onda atlantica). Ribadiamo che si tratta di una situazione molto conforme a quella attuale (ed è per questo che siamo riusciti a prevedere lo split con tanto anticipo). Tuttavia l'asse iniziale del basso VP eccessivamente inclinato (GPT ancora troppo elevati sul comparto canadese a causa della precedente forte fase DA+), non potrà favorire una tempestiva partenza della wave 2 e l'MMW alle alte quote sarà quasi interamente a carico della sola wave 1 (per questo si è parlato in questi giorni di MMW displacement anzichè split).

    Ma la dinamica non avrà molto a che vedere con un displacemnt. Infatti, in virtù di un contesto che vedrà le velocità zonali ancora troppo elevate per consentire il completo spostamento ed annullamento del vortice a carico della sola onda pacifica, il VP tenderà ad assumere una configurazione sempre più ellittica, con conseguente progressiva propagazione ed espansione della wave 2. Tale dinamica potrà favorire una prima discesa a carattere artico-continentale (visto l'asse del VP ancora obliquo) sull'Europa, la cui esatta traiettoria sarà tutta da valutare.
    Nella fase successiva, la completa propagazione della wave 2, insieme ad una wave 1 ancora fortemente stazionaria, indurrà una progressiva leggera rotazione d'asse del VP in senso orario. Al termine di questa fase il VP si troverà finalmente in asse per essere splittato:

    Lo split non sarà ovviamente accompagnato da un forte riscaldamento stratosferico viste le velocità zonali ormai fortemente ridotte (con conseguente scarsa produzione di calore per attrito all'atto dell'infrangimento d'onda). Pertanto, sebbene per i detentori degli almanacchi meteo non si tratterà di un MMW split, per quanto sin quì detto, la dinamica è praticamente quella da split.
    A livello troposferico, questa fase potrebbe essere accompagnata da una nuova discesa fredda . A questo proposito sarà importante monitorare l'esatta direttrice della colata in quanto essa potrebbe risultare troppo occidentale. In definitiva, a prescindere dell'esatta terminologia (che poco ci interessa), possiamo dire che abbiamo a che fare con una dinamica interessante dal carattere retroattivo e dunque in grado di apportare condizioni di freddo duraturo sull'Europa.


    Riccardo e Alessandro (even)
    Anteprime Allegate Anteprime Allegate Facciamo un po di Chiarezza...-riccardo4.png   Facciamo un po di Chiarezza...-111111va.png  
    Ultima modifica di even; 07/01/2013 alle 11:37
    [B][SIZE=2][FONT=arial]Non puoi sapere quanto sei forte r[/FONT][/SIZE][B][SIZE=2][FONT=arial]ealmente, fino a che l'esserlo non diventa la tua unica scelta
    [URL]http://www.youtube.com/watch?v=ToZ0DZxpL44[/URL]
    [/FONT][/SIZE][/B][/B]

  2. #2
    Vento fresco L'avatar di Adriano90
    Data Registrazione
    12/01/11
    Località
    Roma (Montesacro)
    Messaggi
    2,656
    Menzionato
    2 Post(s)

    Predefinito Re: Facciamo un po di Chiarezza...

    ahuauhuhauhahuauhauhahahu

    Questione Klose esclusa.



    Fantastico tutto ciò

    Ma Riccardo non è iscritto qui?
    Always looking at the sky.
    http://www.flickr.com/photos/76502887@N06/
    https://uniroma1.academia.edu/AdrianoDirri
    https://www.researchgate.net/profile/Adriano_Dirri

  3. #3
    Vento fresco
    Data Registrazione
    04/07/07
    Località
    Labico (RM) 350 mslm
    Età
    37
    Messaggi
    2,312
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Facciamo un po di Chiarezza...

    Citazione Originariamente Scritto da Adriano90 Visualizza Messaggio
    ahuauhuhauhahuauhauhahahu

    Questione Klose esclusa.



    Fantastico tutto ciò

    Ma Riccardo non è iscritto qui?
    Conoscendolo bene...meglio di no...per adesso.
    [B][SIZE=2][FONT=arial]Non puoi sapere quanto sei forte r[/FONT][/SIZE][B][SIZE=2][FONT=arial]ealmente, fino a che l'esserlo non diventa la tua unica scelta
    [URL]http://www.youtube.com/watch?v=ToZ0DZxpL44[/URL]
    [/FONT][/SIZE][/B][/B]

  4. #4
    Uragano L'avatar di Massimiliano Selvix
    Data Registrazione
    21/07/04
    Località
    Pisticci (MT)/ Toronto Ontario
    Età
    45
    Messaggi
    20,309
    Menzionato
    3 Post(s)

    Predefinito Re: Facciamo un po di Chiarezza...

    Alessandro, nel rinnovarti i miei piu sinceri complimenti (tu e Riccardo mi avete portato a spasso nella atmosfera) ti chiedo, a bruciapelo, cosa intendevi nei giorni scorsi quando a proposito della possibile evoluzione futura parlavi di una situazione simile al febbraio 1956. Cioe, tutto il paese, a piu riprese, potrebbe essere coinvolto?
    "We are all star people, from the dust we came and to the dust we shall return. So let's celebrate Love. Ciao Mamma.

  5. #5
    Vento fresco L'avatar di Adriano90
    Data Registrazione
    12/01/11
    Località
    Roma (Montesacro)
    Messaggi
    2,656
    Menzionato
    2 Post(s)

    Predefinito Re: Facciamo un po di Chiarezza...

    Citazione Originariamente Scritto da even Visualizza Messaggio
    Conoscendolo bene...meglio di no...per adesso.

    Danke
    Always looking at the sky.
    http://www.flickr.com/photos/76502887@N06/
    https://uniroma1.academia.edu/AdrianoDirri
    https://www.researchgate.net/profile/Adriano_Dirri

  6. #6
    Uragano L'avatar di Faina
    Data Registrazione
    03/09/03
    Località
    Putignano(BA) - Palagiano (TA)
    Messaggi
    16,138
    Menzionato
    6 Post(s)

    Predefinito Re: Facciamo un po di Chiarezza...

    Citazione Originariamente Scritto da Massimiliano Selvix Visualizza Messaggio
    Alessandro, nel rinnovarti i miei piu sinceri complimenti (tu e Riccardo mi avete portato a spasso nella atmosfera), ti chiedo a bruciapelo cosa intendevi nei giorni scorsi quando a proposito della possibile evoluzione futura parlavi di una situazione simile al febbraio 1956. Cioe, tutto il paese, a piu riprese, potrebbe essere coinvolto?
    penso che si riferisse principalmente se non essenzialmente alla dinamica di innesco tutta a carico della wave-2 come avvenne nel 56' e non per mezzo della wave-1 e di riflesso della 2, come avviene con maggiore frequenza nei casi di split del VP


  7. #7
    Uragano L'avatar di Massimiliano Selvix
    Data Registrazione
    21/07/04
    Località
    Pisticci (MT)/ Toronto Ontario
    Età
    45
    Messaggi
    20,309
    Menzionato
    3 Post(s)

    Predefinito Re: Facciamo un po di Chiarezza...

    Citazione Originariamente Scritto da Faina Visualizza Messaggio
    penso che si riferisse principalmente se non essenzialmente alla dinamica di innesco tutta a carico della wave-2 come avvenne nel 56' e non per mezzo della wave-1 e di riflesso della 2, come avviene con maggiore frequenza nei casi di split del VP

    Si, questo mi era abbastanza chiaro, specie quando Alessandro sosteneva "piu 56 che 85". Naturalmente mi interessa sapere se secondo lui, oltre alle somiglianze sulla dinamica di innesco, ce ne saranno anche in termini di effetti sul suolo italiano.
    "We are all star people, from the dust we came and to the dust we shall return. So let's celebrate Love. Ciao Mamma.

  8. #8
    Vento moderato
    Data Registrazione
    06/01/06
    Località
    taranto
    Età
    30
    Messaggi
    1,180
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito R: Facciamo un po di Chiarezza...

    Questa fantastica spiegazione ci fà capire che le forzanti in gioco nell'atmosfera sono tantissime e la prevalenza di una sulle altre porta a risultati diammetralmente opposti di difficile previsione!!

    Inviato dal mio GT-I9001 con Tapatalk 2
    fede88m

  9. #9
    Thunderstorm Team L'avatar di Stormchaser
    Data Registrazione
    04/04/05
    Località
    Stornoway, Scotland
    Età
    32
    Messaggi
    3,849
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Facciamo un po di Chiarezza...

    Complimenti davvero per l'articolo!

    Volevo chiedere a tal proposito, potete consigliarmi qualche link su studi o mappe di rilevamento sulle dinamiche citate in mesosfera?
    Stornoway, Isle of Lewis, Outer Hebrides, Scotland - 58° 12' 33.96" N - 06° 23' 05.52" O - 15m s.l.m.
    "Always Looking At The Sky"

  10. #10
    Tempesta violenta L'avatar di Marco*
    Data Registrazione
    04/02/04
    Località
    Barletta (BT)
    Età
    30
    Messaggi
    13,641
    Menzionato
    8 Post(s)

    Predefinito Re: Facciamo un po di Chiarezza...

    Citazione Originariamente Scritto da Massimiliano Selvix Visualizza Messaggio
    Si, questo mi era abbastanza chiaro, specie quando Alessandro sosteneva "piu 56 che 85". Naturalmente mi interessa sapere se secondo lui, oltre alle somiglianze sulla dinamica di innesco, ce ne saranno anche in termini di effetti sul suolo italiano.
    domanda da 100 milioni di euro


    **Always looking at the sky**

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •