Pagina 2345 di 2512 PrimaPrima ... 1345184522452295233523432344234523462347235523952445 ... UltimaUltima
Risultati da 23,441 a 23,450 di 25113
  1. #23441
    Vento forte L'avatar di paxo
    Data Registrazione
    13/11/15
    Località
    Caramanico Terme (PE) 550m.
    Messaggi
    3,759
    Menzionato
    15 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Citazione Originariamente Scritto da Presidente Visualizza Messaggio
    Sarei off topic, ma dico la mia. La legge ius soli / ius culturae non mi piaceva, in una sua parte.
    Perché?

  2. #23442
    Vento moderato L'avatar di asxo.
    Data Registrazione
    24/11/12
    Località
    Firenze (Novoli)
    Messaggi
    1,477
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Citazione Originariamente Scritto da Josh Visualizza Messaggio
    Sono un mucchio le opere infrastrutturali a rischio col nuovo governo. Si parla dell'alta velocità Brescia-Verona, necessaria per portare la TAV nel nordest, del Terzo Valico che doveva connettere la Liguria alla TAV Torino-Napoli(oggi per andare da Genova a Roma in treno ci vuole lo stesso tempo di 40 anni fa), dell'alta capacità Napoli-Bari(provare ad andare in treno da Napoli a Bari oggi e quando siete arrivati mi date una voce) e di tantissime altre, anche stradali. Il tutto sia in omaggio alla cultura della decrescita che è ancora bene presente nel primo partito italiano, sia al fine di risparmiare soldi per l'assistenzialismo utopistico,anzi,distopico delle pensioni di cittadinanza e di altre misure di stampo kirchneriano che piacciono agli arruffapopolo amati in un Paese che sta conscientemente scegliendo di sprofondare nel Mediterraneo.
    Siamo alla follia pura.

    Inviato dal mio PRA-LX1 utilizzando Tapatalk
    Inverno 2016/17
    16/1 Fiocchi

  3. #23443
    Vento fresco L'avatar di nevearoma
    Data Registrazione
    14/10/09
    Località
    Roma (Rm)
    Messaggi
    2,587
    Menzionato
    38 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Citazione Originariamente Scritto da Josh Visualizza Messaggio
    Sono un mucchio le opere infrastrutturali a rischio col nuovo governo. Si parla dell'alta velocità Brescia-Verona, necessaria per portare la TAV nel nordest, del Terzo Valico che doveva connettere la Liguria alla TAV Torino-Napoli(oggi per andare da Genova a Roma in treno ci vuole lo stesso tempo di 40 anni fa), dell'alta capacità Napoli-Bari(provare ad andare in treno da Napoli a Bari oggi e quando siete arrivati mi date una voce) e di tantissime altre, anche stradali.
    Per non parlare dei trasporti urbani...
    "In Africa non cresce il cibo. Non crescono i primi. Loro non hanno i contorni. Una fetta di carne magari la trovi, ma hanno un problema con i contorni. Per non parlare della frutta."

  4. #23444
    Uragano
    Data Registrazione
    31/01/09
    Località
    Rif:staz.Grazzanise
    Messaggi
    15,619
    Menzionato
    60 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Citazione Originariamente Scritto da nevearoma Visualizza Messaggio
    Per non parlare dei trasporti urbani...
    E delle infrastrutture legate all'energia
    La"classifica"delle estati italiane dal 1948 al 2009:
    http://picturepush.com/public/2198351

  5. #23445
    Uragano
    Data Registrazione
    12/06/02
    Località
    Milano Isola
    Messaggi
    16,533
    Menzionato
    28 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Citazione Originariamente Scritto da Josh Visualizza Messaggio
    Sono un mucchio le opere infrastrutturali a rischio col nuovo governo. Si parla dell'alta velocità Brescia-Verona, necessaria per portare la TAV nel nordest, del Terzo Valico che doveva connettere la Liguria alla TAV Torino-Napoli(oggi per andare da Genova a Roma in treno ci vuole lo stesso tempo di 40 anni fa), dell'alta capacità Napoli-Bari(provare ad andare in treno da Napoli a Bari oggi e quando siete arrivati mi date una voce) e di tantissime altre, anche stradali. Il tutto sia in omaggio alla cultura della decrescita che è ancora bene presente nel primo partito italiano, sia al fine di risparmiare soldi per l'assistenzialismo utopistico,anzi,distopico delle pensioni di cittadinanza e di altre misure di stampo kirchneriano che piacciono agli arruffapopolo amati in un Paese che sta conscientemente scegliendo di sprofondare nel Mediterraneo.
    Sì, ma non credo a blocchi significativi. Dei due partiti, uno vorrebbe bloccare tutto ma l'altro no, quindi...


  6. #23446
    Uragano
    Data Registrazione
    31/01/09
    Località
    Rif:staz.Grazzanise
    Messaggi
    15,619
    Menzionato
    60 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Citazione Originariamente Scritto da NoSync Visualizza Messaggio
    Sì, ma non credo a blocchi significativi. Dei due partiti, uno vorrebbe bloccare tutto ma l'altro no, quindi...
    E se bloccassero per far cassa per i sussidi alla Maduro?
    La"classifica"delle estati italiane dal 1948 al 2009:
    http://picturepush.com/public/2198351

  7. #23447
    Bava di vento
    Data Registrazione
    19/04/18
    Località
    Castelforte (LT)
    Messaggi
    67
    Menzionato
    5 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Citazione Originariamente Scritto da paxo Visualizza Messaggio
    Perché?
    Non so chi sia il moderatore di questo forum, ma chiedo scusa per l'off topic.
    La seconda parte della legge, cerco di ricordare, parlava dello ius culturae. Diceva che un minore che entra in Italia entro il 12mo anno di età poteva diventare cittadino italiano dopo aver compiuto un ciclo di studi di 3 o 5 anni, mi pare.
    In base alle convenzioni internazionali (compresa quella di Ginevra, mi sembra ) sono previsti i ricongiungimenti familiari con i parenti residenti all'estero.
    Quindi se per ipotesi in un anno sbarcano in Italia 10 mila ragazzini afro asiatici - è solo un'ipotesi - e ottengono la cittadinanza dopo un ciclo di studi, vista la crescita demografica di Asia e Africa (l'Africa nel giro di 60 anni raddoppierà la popolazione ) da 10 mila nuovi cittadini potremmo trovarcene 100 mila e così via. In un momento in cui sbarcano continuamente persone in Italia questo sarebbe stato un segnale x invogliare gli scafisti a far partire le persone.
    L'Italia ha un debito pubblico che è il 131 per cento del PIL. Come fa a sfamare mezzo mondo povero? Mettendo altre tasse o facendo prelievi forzosi sui c/c nostri? con maggiore debito?
    Certo ci sono gli immigrati afro asiatici regolari, venuti qui per studio e lavoro come due miei colleghi universitari con i quali a volte mi sento.L'Europa ormai deroga a Schengen "alzando i muri", a modo suo e se dobbiamo fare accoglienza umanitaria da soli rischieremmo (il condizionale è d'obbligo ) di diventare un paese afro asiatico anche noi, con gruppi che sarebbero in grado anche di cambiare gli equilibri politici e sociali. Da noi le donne hanno determinati diritti e, per esempio, da un paio d'anni abbiamo anche le unioni civili.
    Addo' arrivamo, mettemo glio' pezzùco
    Luccicantella calla calla, mitti fuoco alla cavalla, la cavalla dé glio' ré, luccicantella mmàni a mmé!!

  8. #23448
    Uragano
    Data Registrazione
    12/06/02
    Località
    Milano Isola
    Messaggi
    16,533
    Menzionato
    28 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Citazione Originariamente Scritto da Josh Visualizza Messaggio
    E se bloccassero per far cassa per i sussidi alla Maduro?
    Spesa corrente vs spesa per investimento? Non credo si spingerebbero così in là nemmeno loro, dai.


  9. #23449
    Uragano
    Data Registrazione
    12/06/02
    Località
    Milano Isola
    Messaggi
    16,533
    Menzionato
    28 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Citazione Originariamente Scritto da Presidente Visualizza Messaggio
    Quindi se per ipotesi in un anno sbarcano in Italia 10 mila ragazzini afro asiatici - è solo un'ipotesi - e ottengono la cittadinanza dopo un ciclo di studi, vista la crescita demografica di Asia e Africa (l'Africa nel giro di 60 anni raddoppierà la popolazione ) da 10 mila nuovi cittadini potremmo trovarcene 100 mila e così via.
    Beh, almeno arriva qualcuno per pagare le pensioni.


  10. #23450
    Brezza leggera
    Data Registrazione
    24/12/17
    Località
    Roma
    Età
    31
    Messaggi
    461
    Menzionato
    70 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Citazione Originariamente Scritto da Presidente Visualizza Messaggio
    Non so chi sia il moderatore di questo forum, ma chiedo scusa per l'off topic.
    La seconda parte della legge, cerco di ricordare, parlava dello ius culturae. Diceva che un minore che entra in Italia entro il 12mo anno di età poteva diventare cittadino italiano dopo aver compiuto un ciclo di studi di 3 o 5 anni, mi pare.
    In base alle convenzioni internazionali (compresa quella di Ginevra, mi sembra ) sono previsti i ricongiungimenti familiari con i parenti residenti all'estero.
    Quindi se per ipotesi in un anno sbarcano in Italia 10 mila ragazzini afro asiatici - è solo un'ipotesi - e ottengono la cittadinanza dopo un ciclo di studi, vista la crescita demografica di Asia e Africa (l'Africa nel giro di 60 anni raddoppierà la popolazione ) da 10 mila nuovi cittadini potremmo trovarcene 100 mila e così via. In un momento in cui sbarcano continuamente persone in Italia questo sarebbe stato un segnale x invogliare gli scafisti a far partire le persone.
    L'Italia ha un debito pubblico che è il 131 per cento del PIL. Come fa a sfamare mezzo mondo povero? Mettendo altre tasse o facendo prelievi forzosi sui c/c nostri? con maggiore debito?
    Certo ci sono gli immigrati afro asiatici regolari, venuti qui per studio e lavoro come due miei colleghi universitari con i quali a volte mi sento.L'Europa ormai deroga a Schengen "alzando i muri", a modo suo e se dobbiamo fare accoglienza umanitaria da soli rischieremmo (il condizionale è d'obbligo ) di diventare un paese afro asiatico anche noi, con gruppi che sarebbero in grado anche di cambiare gli equilibri politici e sociali. Da noi le donne hanno determinati diritti e, per esempio, da un paio d'anni abbiamo anche le unioni civili.
    Non funzionano così i ricongiungimenti, un ragazzino non può tirarsi dietro tutta la famiglia. Inoltre la natalità degli immigrati una volta arrivati in Italia tende ad adeguarsi rapidamente a quella locale.
    Poi con la multiculturalità ormai ci dovremo fare i conti comunque, visto che gli italiani figli ne fanno così pochi che la popolazione originaria italiana si dimezzerà ad ogni generazione. E nella maggior parte dei casi i ragazzi e le ragazze cresciuti in Italia hanno una mentalità più aperta di tanti italiani, non rappresentano certo un pericolo per i diritti civili o delle donne. Hanno fatto la scuola con i nostri figli e spesso se tu gli parlassi senza vederli non ti accorgeresti nemmeno che non sono di famiglia italiana.

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •