Pagina 3 di 8 PrimaPrima 12345 ... UltimaUltima
Risultati da 21 a 30 di 71

Discussione: gw ed heat waves

  1. #21
    Vento moderato
    Data Registrazione
    21/11/04
    Località
    chatillon AO
    Età
    39
    Messaggi
    1,223
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: gw ed heat waves

    Citazione Originariamente Scritto da elz Visualizza Messaggio
    Ma io suggerivo di NON usare le reanalisi cfsr per calcolare i trend,la media ha un trend positivo da inizio 2000, il trend ~nullo c'è nella superficie degli oceani dal 2003 una volta rimosse le cause di variabilità interannuale che confondono i trend(Thompson 2008) ma l'artico ad esempio si è parecchio scaldato in questo stesso periodo, ad ogni modo i trend così brevi hanno margini di incertezza molto ampi troppo per avere trend statisticamente significativi d'altra parte qualche anno fa era il 1998 l'anno in cui era finito il gw ora il 2002 poi sarà il 2005 poi il 2010 ecc. guardando a periodi così brevi si trovano facilmente trend nulli o negativi.
    Ad esempio per i satelliti la serie UAH dal 2000 ha un trend positivo(ed anche dal 1998 seppur più modesto):
    Allegato 266674


    Ribadisco quanto sopra, il clima varia in funzione di TUTTE le forzanti non di solo una, nessuno si aspetta una corrispondenza 1:1 tra co2 e temperature o tra solfati e temperature ma co2+solfati+black carbon+....+variabilità interna=evoluzione delle temperature, i solfati sono parte di tutto questo ed hanno contribuito a mantenere basse le temperature in quegli anni rispetto a quanto lo sarebbero state rispetto alla sola co2(e tutto il resto).
    Allegato 266675


    L'accumulo o perdita di energia non hanno inerzia,l'heat content è un'istantanea del forcing radiativo, se c'è un forcing radiativo al TOA negativo si perde energia se è positivo si accumula.
    Questo tanto per dire è ciò che scrive uno scettico, Pielke a tale proposito:


    Negli ultimi anni c'è stato accumulo ad un ritmo equivalente a circa 0.58 W/m^2.

    Ma se il GW secondo gli scienziati diciamo "ufficiali" provocherà danni estremi in questo secolo - previsioni di aumenti sui 3-5 gradi e oltre entro il 2100 significano un cambio radicale nello stile di vita della popolazione simile ad una guerra di proporzioni mondiali! - mi chiedo... ma perchè non immettere nell'atmosfera in maniera voluta i solfati?
    Non ditemi che con le tecnologie attuali non potrebbe esser fatto in maniera "pulita", e non ditemi che i feedback potrebbero essere incontrollabili perchè appunto la previsione è comunque terrificante.
    Allora perchè tutto questo catastrofismo? Perchè questo clima di paura continuo nel quale siamo immersi, paragonabile nella storia del pensiero alla paura delle bombe atomiche- e forse anche più giustificata della paura attuale - negli anni 60-70?
    Mi piacerebbe che qualcuno di ferrato e competente in materia di GW mi desse una sua idea, anche se siamo al di là della mera questione scientifica.
    grazie ciao!

  2. #22
    Meteorologo Centro Epson Meteo L'avatar di ldanieli
    Data Registrazione
    25/10/05
    Località
    centro epson meteo
    Messaggi
    258
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: gw ed heat waves

    Citazione Originariamente Scritto da simone3500 Visualizza Messaggio
    Ma se il GW secondo gli scienziati diciamo "ufficiali" provocherà danni estremi in questo secolo - previsioni di aumenti sui 3-5 gradi e oltre entro il 2100 significano un cambio radicale nello stile di vita della popolazione simile ad una guerra di proporzioni mondiali! - mi chiedo... ma perchè non immettere nell'atmosfera in maniera voluta i solfati?
    Non ditemi che con le tecnologie attuali non potrebbe esser fatto in maniera "pulita", e non ditemi che i feedback potrebbero essere incontrollabili perchè appunto la previsione è comunque terrificante.
    Allora perchè tutto questo catastrofismo? Perchè questo clima di paura continuo nel quale siamo immersi, paragonabile nella storia del pensiero alla paura delle bombe atomiche- e forse anche più giustificata della paura attuale - negli anni 60-70?
    Mi piacerebbe che qualcuno di ferrato e competente in materia di GW mi desse una sua idea, anche se siamo al di là della mera questione scientifica.
    grazie ciao!
    Come puoi verificare, ad esempio proprio in questo thread, o nelle stesse cronache (a proposito: vivi complimenti a Elz per le interessanti osservazioni che sempre propone, per la competenza e la pacatezza con cui argomenta) i danni del GW appartengono all'attualità e non occorre nemmeno coniugare i verbi al futuro.

    Riguardo alla tua prima domanda, il tema è ampiamente dibattuto, solfati compresi, si parla di geoengineering. Per cominciare a farsi un'idea:
    Geoengineering - Wikipedia, the free encyclopedia

    In ultimo, e con questa inutile osservazione svacchiamo definitivamente questo bellissimo e tecnicissimo Td, a me non pare proprio di notarlo tutto questo clima di paura per il clima (letto troppo Crichton?). Vedo spettacolarizzazione, ma è diverso. Se ci fosse tutta questa paura e preoccupazione per le sorti atmosferiche (o, più in generale, per l'ambiente) forse qualcuno comincerebbe a muoversi, non credi?

    Lorenzo D.

  3. #23
    Uragano L'avatar di giorgio1940
    Data Registrazione
    15/06/02
    Località
    Rimini
    Età
    78
    Messaggi
    23,705
    Menzionato
    14 Post(s)

    Predefinito Re: gw ed heat waves

    Citazione Originariamente Scritto da ldanieli Visualizza Messaggio
    Come puoi verificare, ad esempio proprio in questo thread, o nelle stesse cronache (a proposito: vivi complimenti a Elz per le interessanti osservazioni che sempre propone, per la competenza e la pacatezza con cui argomenta) i danni del GW appartengono all'attualità e non occorre nemmeno coniugare i verbi al futuro.

    Riguardo alla tua prima domanda, il tema è ampiamente dibattuto, solfati compresi, si parla di geoengineering. Per cominciare a farsi un'idea:
    Geoengineering - Wikipedia, the free encyclopedia

    In ultimo, e con questa inutile osservazione svacchiamo definitivamente questo bellissimo e tecnicissimo Td, a me non pare proprio di notarlo tutto questo clima di paura per il clima (letto troppo Crichton?). Vedo spettacolarizzazione, ma è diverso. Se ci fosse tutta questa paura e preoccupazione per le sorti atmosferiche (o, più in generale, per l'ambiente) forse qualcuno comincerebbe a muoversi, non credi?

    Lorenzo D.
    ***
    Sono l'ultimo(in fatto di competenza) a rispondere, ma con i +6 gradi di range massimo dell'aumento della T globale, entro il 2100, ipotizzato da quel' "ente scient-politico"..... altro che paura! sarebbe terrore addirittura!
    Ultima modifica di giorgio1940; 17/08/2012 alle 13:40
    Amante della Natura:Monti,meteo,mare,una piccola margherita.....
    Non posso che dir grazie a tanto Artefice!

  4. #24
    Vento moderato L'avatar di Marco P.
    Data Registrazione
    30/12/03
    Località
    Albinea Reggio E.
    Messaggi
    1,383
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: gw ed heat waves

    Citazione Originariamente Scritto da elz Visualizza Messaggio
    Non è così, il trend dell'ohc non si è fermato continua ad essere positivo lo è negli ultimi 10 anni ed anche negli ultimi 5.
    Allegato 266628
    A volte ho l'impressione che le discussioni regrediscano anzichè progredire, cioè ma siamo davvero tornati di nuovo al periodo 40-70 come prova che non esiste l'AGW?
    a) Quel periodo come ben noto coincide con l'immisione di aerosol antropici.
    b) Non ho mica scritto che non esiste la variabilità naturale, ma le cause dei cambiamenti climatici si studiano andando ad analizzare i pattern specifici di ciascuna forzante/la fisica del sistema e non con motivazioni del tipo "prima ha fatto freddo quindi è normale che adesso faccia caldo", la sovrapposizione di un trend sottostante con gli effetti degli aerosol antropici, delle eruzioni vulcaniche e si anche eventualmente di un pò di variabilità multidecadale può spiegare bene l'evoluzione delle temperature osservate negli ultimi 2 secoli e mezzo.

    Questo tanto per dire è ciò che è uscito dal progetto "best", è basato solo su correlazioni e pertanto non è di sicuro una prova fenomenale, ma viste in un contesto di 2.5 secoli le deviazioni delle temperature dal fit co2+vulcani(positiva negli anni '40, negativa nei '70) sono poca cosa.
    Immagine
    Credo che nel medio periodo le temperature globali possano essere certamente influenzate da da AMO e PDO, soprattutto quando sono in fase tra loro, come la fase positiva intorno al 1940 e quella negativa degli anni '70, ( sul lungo, però l'effetto si annulla) sono anche convinto che i solfati antropici abbiano svolto e svolgano, un'azione di rilievo. Pertanto l'azione combinata di questi fattori, tenendo presente l'andamento delle forzanti TSI e CO2, spiegherebbero abbastanza bene le principali oscillazioni del XX secolo.
    Ora, Elz, ti chiedo, dato che i solfati antropici, dopo la regolamentazione degli anni '70, sono ora nuovamente in aumento a causa dell'industrializzazione galoppante dell'Asia, in che misura nel futuro potranno contrastare con il loro effetto raffreddante, l'effetto riscaldante dell'aumento dei gas serra?
    Marco Pifferetti Albinea - Reggio E.
    http://marcopifferetti.altervista.org/index.htm

  5. #25
    Vento moderato
    Data Registrazione
    21/11/04
    Località
    chatillon AO
    Età
    39
    Messaggi
    1,223
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: gw ed heat waves

    Citazione Originariamente Scritto da ldanieli Visualizza Messaggio
    Come puoi verificare, ad esempio proprio in questo thread, o nelle stesse cronache (a proposito: vivi complimenti a Elz per le interessanti osservazioni che sempre propone, per la competenza e la pacatezza con cui argomenta) i danni del GW appartengono all'attualità e non occorre nemmeno coniugare i verbi al futuro.

    Riguardo alla tua prima domanda, il tema è ampiamente dibattuto, solfati compresi, si parla di geoengineering. Per cominciare a farsi un'idea:
    Geoengineering - Wikipedia, the free encyclopedia

    In ultimo, e con questa inutile osservazione svacchiamo definitivamente questo bellissimo e tecnicissimo Td, a me non pare proprio di notarlo tutto questo clima di paura per il clima (letto troppo Crichton?). Vedo spettacolarizzazione, ma è diverso. Se ci fosse tutta questa paura e preoccupazione per le sorti atmosferiche (o, più in generale, per l'ambiente) forse qualcuno comincerebbe a muoversi, non credi?

    Lorenzo D.
    Grazie per il link, lo leggerò sicuramente sebbene il mio inglese sia scarsino e non tecnico; ma d'altra parte non è la scienza il mio campo ma la storia e la filosofia.
    Proprio in quei campi portava la domanda, visto che esiste una storia delle idee, una psicologia delle masse e un sentimento comune "del tempo che si vive" che sono fondamentali per capire i tempi attuali (il cosidetto spirito del tempo Hegeliano), conoscere il passato e da qui provare a prevedere il futuro dell'umanità.
    Certo non sono cose che può fare un modello matematico, ma non direi che ciò le renda "inutili osservazioni che svaccano definitivamente un tred tecnico" (tecnico = interessante tra l'altro è un'equazione tutta da dimostrare per un forum in cui la maggior parte non sono addetti ai lavori).
    Lo ribadisco, le previsioni più fosche dell'IPCC (come riporta Giorgio) per questo secolo sono da vera catastrofe planetaria, simile ad una terza guerra mondiale che tra parentesi diventerebbe una logica conseguenza di migrazioni "climatiche" e lotta per l'acqua.
    La paura difficilmente porta ad azioni ragionate e produttive (anche qui l'assioma che tu riporti : clima di paura= azione è tutto da dimostrare nel campo delle previsioni future, funziona forse per il breve termine ma non nel lungo periodo), più spesso a paralisi, rassegnazione e stagnazione, tanto più che il danno arrecato dai combustibili fossili a questo punto sarebbe irreversibile e nessun trattato di Kyoto et similia potrebbero dare un contributo ad abbassare le temperature nel futuro prossimo.
    Per questo motivo ho trovato interessante la questione solfati.

  6. #26
    Vento moderato L'avatar di Marco P.
    Data Registrazione
    30/12/03
    Località
    Albinea Reggio E.
    Messaggi
    1,383
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: gw ed heat waves

    Sulla variabilità naturale che nasconde il trend al riscaldamento:
    Climalteranti.it » Come smascherare il trend nascosto dalla variabilità climatica
    Marco Pifferetti Albinea - Reggio E.
    http://marcopifferetti.altervista.org/index.htm

  7. #27
    Vento moderato L'avatar di Marco P.
    Data Registrazione
    30/12/03
    Località
    Albinea Reggio E.
    Messaggi
    1,383
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: gw ed heat waves

    Citazione Originariamente Scritto da giorgio1940 Visualizza Messaggio
    ***
    Sono l'ultimo(in fatto di competenza) a rispondere, ma con i +6 gradi di range massimo dell'aumento della T globale, entro il 2100, ipotizzato da quel' "ente scient-politico"..... altro che paura! sarebbe terrore addirittura!
    Ciao Giorgio, ma chi è che ha previsto +6 al 2100? Credo che sia un errore.
    Marco Pifferetti Albinea - Reggio E.
    http://marcopifferetti.altervista.org/index.htm

  8. #28
    Uragano L'avatar di Dream Design
    Data Registrazione
    13/10/04
    Località
    Napoli coll. 249 mt.
    Età
    30
    Messaggi
    15,489
    Menzionato
    9 Post(s)

    Predefinito Re: gw ed heat waves

    Citazione Originariamente Scritto da Marco P. Visualizza Messaggio
    Ciao Giorgio, ma chi è che ha previsto +6 al 2100? Credo che sia un errore.
    era quella chiavica di Al Gore, ma non ricordo se in 100 o in 50 anni

    NAPOLI, Febbraio 2018: IO C'ERO !!!

    www.faceweather.it

  9. #29
    Banned
    Data Registrazione
    02/09/03
    Località
    Portogruaro (VE)
    Messaggi
    7,823
    Menzionato
    57 Post(s)

    Predefinito Re: gw ed heat waves

    Citazione Originariamente Scritto da ldanieli Visualizza Messaggio
    Come puoi verificare, ad esempio proprio in questo thread, o nelle stesse cronache (a proposito: vivi complimenti a Elz per le interessanti osservazioni che sempre propone, per la competenza e la pacatezza con cui argomenta) i danni del GW appartengono all'attualità e non occorre nemmeno coniugare i verbi al futuro.

    Riguardo alla tua prima domanda, il tema è ampiamente dibattuto, solfati compresi, si parla di geoengineering. Per cominciare a farsi un'idea:
    Geoengineering - Wikipedia, the free encyclopedia

    In ultimo, e con questa inutile osservazione svacchiamo definitivamente questo bellissimo e tecnicissimo Td, a me non pare proprio di notarlo tutto questo clima di paura per il clima (letto troppo Crichton?). Vedo spettacolarizzazione, ma è diverso. Se ci fosse tutta questa paura e preoccupazione per le sorti atmosferiche (o, più in generale, per l'ambiente) forse qualcuno comincerebbe a muoversi, non credi?

    Lorenzo D.
    E' verissimo che c'è una spettacolarizzazione mediatica, ma è anche vero che nell'ambito di questa spettacolarizzazione (che poi io chiamerei in un altro modo, ovvero MALAINFORMAZIONE) l'informazione che viene data è assolutamente MONOTEMATICA e pro AGW: quanto al fatto che si faccia niente, anche su questo avrei qualcosa da dire visto che la cosiddetta green economy sta cavalcando alla grande questa che tu chiami "spettacolarizzazione" e non è affatto un caso che tutte le grandi società produttrici di combustibili fossili, prima fra esse la SHELL, si sta buttando a capofitto in questo nuovo business.

    Un nuovo business che NON DISCUTO in termini di miglioramenti (magari arrivassimo ad avere tutti mezzi di trasporto elettrici e/o a idrogeno, energia fotovoltaica in maniera molto più cospicua , etc etc) della nostra qualità di vita oltre che di quella dell'ambiente, ma discuto il MODUS OPERANDI basato sul catastrofismo ambientale e climatico che viene disegnato da certi enti intergovernativi e non (IPCC il primo fra questi).......discuto anche il fatto che non si dia affatto voce all'altrettanta vasta platea di studiosi, scienziati e climatologi che non la pensano proprio esattamente come l'IPCC e compagnia cantando......il "monoteismo scientifico" mi fa paura, mi ha fatto sempre paura e d'altronde ai tempi dell'inquisizione gente come Galilei o Giordano Bruno che non la pensavano proprio esattamente come la casta monotematica e monoteistica degli scienziati dell'epoca, patirono le pene dell'inferno in terra.

  10. #30
    Vento moderato L'avatar di Marco P.
    Data Registrazione
    30/12/03
    Località
    Albinea Reggio E.
    Messaggi
    1,383
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: gw ed heat waves

    Citazione Originariamente Scritto da Marcoan Visualizza Messaggio
    E' verissimo che c'è una spettacolarizzazione mediatica, ma è anche vero che nell'ambito di questa spettacolarizzazione (che poi io chiamerei in un altro modo, ovvero MALAINFORMAZIONE) l'informazione che viene data è assolutamente MONOTEMATICA e pro AGW: quanto al fatto che si faccia niente, anche su questo avrei qualcosa da dire visto che la cosiddetta green economy sta cavalcando alla grande questa che tu chiami "spettacolarizzazione" e non è affatto un caso che tutte le grandi società produttrici di combustibili fossili, prima fra esse la SHELL, si sta buttando a capofitto in questo nuovo business.

    Un nuovo business che NON DISCUTO in termini di miglioramenti (magari arrivassimo ad avere tutti mezzi di trasporto elettrici e/o a idrogeno, energia fotovoltaica in maniera molto più cospicua , etc etc) della nostra qualità di vita oltre che di quella dell'ambiente, ma discuto il MODUS OPERANDI basato sul catastrofismo ambientale e climatico che viene disegnato da certi enti intergovernativi e non (IPCC il primo fra questi).......discuto anche il fatto che non si dia affatto voce all'altrettanta vasta platea di studiosi, scienziati e climatologi che non la pensano proprio esattamente come l'IPCC e compagnia cantando......il "monoteismo scientifico" mi fa paura, mi ha fatto sempre paura e d'altronde ai tempi dell'inquisizione gente come Galilei o Giordano Bruno che non la pensavano proprio esattamente come la casta monotematica e monoteistica degli scienziati dell'epoca, patirono le pene dell'inferno in terra.
    Ma, mi sembra che sia passata un po' tanta acqua sotto i ponti per fare certi paragoni e parlare di "monoteismo scientifico"
    Credo sarebbe opportuno chiedersi quali sono gli interessi in gioco davvero grandi, cosa conviene davvero ai politici, a chi giova ciò che viene definito catastrofismo ecc. ecc.
    Un articolo non scientifico, senza pretese, ma che invita a qualche riflessione:
    Quel negazionismo climatico che frena l
    Ultima modifica di Marco P.; 17/08/2012 alle 15:26
    Marco Pifferetti Albinea - Reggio E.
    http://marcopifferetti.altervista.org/index.htm

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •