Pagina 2618 di 2639 PrimaPrima ... 16182118251825682608261626172618261926202628 ... UltimaUltima
Risultati da 26,171 a 26,180 di 26386
  1. #26171
    Brezza tesa
    Data Registrazione
    24/12/17
    Località
    Roma
    Età
    32
    Messaggi
    657
    Menzionato
    96 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Citazione Originariamente Scritto da FunMBnel Visualizza Messaggio
    Oggi ho letto l'n-esimo bellissimo post di Massimo Fontata su FB in cui spiegava cosa è successo nel 2011, a partire dalla famosa lettera della BCE, al governo tecnico e a cosa è stato fatto di quelle raccomandazioni.
    C'erano 7 punti.
    Ne abbiamo fatto 1, neppure estremo, che poi questi disgraziati stanno smontando.

    Sono ancora tutti validi.

    1) Aumento della concorrenza , in particolare nei servizi .Dice infatti il testo:" il miglioramento della qualità dei servizi pubblici e il ridisegno di sistemi regolatori e FISCALI che siano più adatti a sostenere la competitività delle imprese e l'efficienza del mercato del lavoro."
    2) Liberalizzazione dei servizi pubblici locali .
    3) Riforma del mercato del lavoro che favorisca la contrattazione decentrata.
    4) Riforma delle pensioni .
    5) "una riduzione significativa dei costi del pubblico impiego, rafforzando le regole per il turnover (il ricambio) e, se necessario, riducendo gli stipendi."
    6) Stretto controllo delle spese regionali e locali
    7) Riforme tese ad aumentare l'efficienza della pubblica amministrazione " e la capacità di assecondare le esigenze delle imprese. Negli organismi pubblici dovrebbe diventare sistematico l'uso di indicatori di performance (soprattutto nei sistemi sanitario, giudiziario e dell'istruzione)

    Ovviamente non è una lista esaustiva, ma non sarebbe male iniziare...
    Sulla parte di liberalizzazioni e concorrenza da allora non è stato fatto più nulla. Zero.
    L'unica roba che possa fregiarsi del nome "liberalizzazione" risale alle lenzuolate di bersaniana memoria e ho detto tutto.
    Si raccoglie sempre quel che si semina.
    E poi si piange perchè c'è troppo liberismo... Ma un suicidio di massa no?
    Se ne uscirà solo tramite manovre durissime e protratte nel tempo; ma è inevitabile se si vogliono porre le basi per rimettersi in carreggiata. Più passa il tempo a far nulla e a vendere la fontana di Trevi (leggasi anni bellissimi sprecando risorse in spesa corrente totalmente improduttiva) più saranno dure le manovre necessarie; fino al botto, nel caso...
    Ho sempre considerato quella lista in gran parte sbagliata e pericolosa, peraltro quella lettera costruttiva una gravissima ingerenza da parte della BCE che ha travalicato le sue competenze mettendosi a dare un indicazioni di carattere micro economico fortemente politicizzate che non rientrano in alcun modo nel suo mandato.

    Nel merito, gli unici punti ineccepibili sono 1 e 7, l' efficienza della PA, la complessità dei sistemi regolatori e fiscali sono un aspetto centrale dei problemi italiani e dovrebbero essere al centro di qualunque programma di governo. A partire da corruzione e giustizia civile che condizionano pesantemente l'attività delle imprese.

    La liberalizzazione dei servizi pubblici è il classico clichè ideologico che non fa i conti con la realtà del settore, che copre ambiti non concorrenziali e/o finanziati prevalentemente con risorse pubbliche, dove non si può contare sulla spontanea efficienza del mercato.
    In un Paese come il nostro dove abbiamo problemi a gestire gli appalti più semplici e la corruzione è dilagante gestire l'affidamento a privati di monopoli naturali è estremamente complesso e non garantisce risultati migliori della gestione diretta (come ovunque, se hai una buona governance funziona sia la gestione diretta sia l'affidamento a privati, viceversa è facile che falliscano entrambe).

    Sul mercato del lavoro ci sarebbe da fare un discorso complesso, con molti se e ma il principio sarebbe anche corretto, ma cosa ci azzecca la BCE?

    La riforma delle pensioni è stata fatta, già prima avevamo un sistema sostenibile sul lungo termine, tra i migliori d'Europa sotto questo profilo, dopo la Fornero non c'è più alcun bisogno di interventi ulteriori. L'elevato peso delle pensioni sul PIL è conseguenza dell'andamento disastroso dell'economia, senza la stagnazione degli ultimi anni sarebbe bastato qualche ritocco alla ritorna Dini.

    La parte sul pubblico impiego era la peggiore, la PA in Italia non ha né troppi dipendenti né stipendi troppi alti, il problema è cosa fanno o non fanno quei dipendenti. Con i tagli indiscriminati si è penalizzata proprio quell'efficienza che si diceva di voler supportare, svuotando di competenze le istituzioni pubbliche e lasciando sotto organico molte funzioni fondamentali. In questo punto come in tutto l'approccio post 2011 l'attenzione è stata sul comprimere la spesa ignorando la qualità e l'efficienza, con esiti spesso assurdi come con gli appalti consip in cui i beni durevoli costano magari il 20% in meno ma durano la metà e ti ritrovi a spendere di più.

    Ripeto per l'ennesima volta, nel 2011 l'Italia non aveva un grave squilibrio strutturale del bilancio pubblico, se la BCE avesse fatto il QE in contemporanea con la FED anziché alzare i tassi in maniera idiota avremmo potuto avvicinarci al pareggio di bilancio già solo con la riduzione dei tassi di interesse e con la prosecuzione del miglioramento ciclico che era già in corso, il rapporto debito/PIL era già stabile.

    Inviato dal mio SM-G930F utilizzando Tapatalk

  2. #26172
    Vento forte L'avatar di paxo
    Data Registrazione
    13/11/15
    Località
    Caramanico Terme (PE) 550m.
    Messaggi
    4,297
    Menzionato
    25 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Citazione Originariamente Scritto da FunMBnel Visualizza Messaggio
    Già allora si poteva fare poco visto che la curva del debito dopo la rapida discesa del periodo pre-Euro si era nuovamente invertita nel 2005, anno dell'apoteosi tremontiana in cui si è definitivamente consumato lo spreco della diminuzione dei tassi reali post-Euro.
    A quel punto gran spazio di manovra non c'era più: bisognava farsi un culo quadro; e visto che non abbiamo fatto neppure un minimo sforzo di farlo appena meno tondo quando c'era la possibilità figurarsi dopo... Ora ci penserà la realtà a imporre una cura greca.
    Uscita di sicurezza (Giulio Tremonti) - Wikipedia ha anche scritto un saggio economico per risolvere i problemi che ha creato

  3. #26173
    Vento forte L'avatar di paxo
    Data Registrazione
    13/11/15
    Località
    Caramanico Terme (PE) 550m.
    Messaggi
    4,297
    Menzionato
    25 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Citazione Originariamente Scritto da snowaholic Visualizza Messaggio
    L'Italia aveva anche un deficit molto più basso di Spagna e Portogallo (che è il motivo principale per cui è schizzato in alto il loro debito), lo spazio ce lo avevamo anche noi e lo abbiamo sprecato. Tra 80 euro, decontribuzione per i nuove assunti, riduzione IMU, bonus e mancette varie ci siano giocati una ventina di miliardi annui, aggiungi rdc e quota 100 e superiamo i 2 punti di PIL annui di nuova spesa inutile. Il problema è che abbiamo speso male i risparmi ottenuti con il calo dello spread, vanificando il risanamento senza alimentare la crescita (né in termini strutturali nè di semplice supporto keynesiano alla domanda aggregata, visto che tolto il rdc sono misure a basso moltiplicatore).

    Senza contare tutte quelle riforme a costo quasi zero che potrebbero aumentare la crescita senza gravare sul bilancio pubblico, dalla giustizia agli appalti e così via. Invece si buttano miliardi in imprese decotte e senza prospettiva come Alitalia.

    Inviato dal mio SM-G930F utilizzando Tapatalk
    Appunto, non poteva fare deficit più alto perché stava già con l'acqua alla gola. Spagna e Portogallo senza fare quel deficit sarebbero riusciti a far ripartire l'economia?

  4. #26174
    Brezza tesa
    Data Registrazione
    24/12/17
    Località
    Roma
    Età
    32
    Messaggi
    657
    Menzionato
    96 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Citazione Originariamente Scritto da paxo Visualizza Messaggio
    Appunto, non poteva fare deficit più alto perché stava già con l'acqua alla gola. Spagna e Portogallo senza fare quel deficit sarebbero riusciti a far ripartire l'economia?
    Ma non è stata una scelta discrezionale da parte loro il deficit alto, si è formato spontaneamente ed era associato a fortissimi squilibri macroeconomici verso l'estero che noi non avevamo (nel caso spagnolo anche allo scoppio della bolla speculativa sugli immobili). Loro hanno solo rallentato la riduzione del deficit, non l'hanno mai aumentato in maniera discrezionale dopo il 2010.

    L'Italia con una gestione un minimo intelligente dell'economia e dei conti pubblici poteva uscirne tranquillamente, un disavanzo del 4% come quello del 2010 non è assolutamente problematico se si tiene conto del ciclo economico. Il disastro successivo è interamente dovuto agli errori fatti dal 2011 in poi sia dai governi italiani sia dalle istituzioni europee.

    Nonostante tutto questo siamo arrivati al 2013 con una situazione più che gestibile e abbiamo buttato via una legislatura, poi abbiamo aggiunto il carico con le follie di questo governo. Non c'era niente di inevitabile, perfino ora non sarebbe così complicato recuperare la situazione, il problema è tutto politico.

    Inviato dal mio SM-G930F utilizzando Tapatalk

  5. #26175
    Brezza tesa
    Data Registrazione
    24/12/17
    Località
    Roma
    Età
    32
    Messaggi
    657
    Menzionato
    96 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Citazione Originariamente Scritto da Josh Visualizza Messaggio
    In realtà anche Moody's la pensa come Massimo, vedendo nei minibot il primo passo per l'uscita dall'euro
    Si ma per il segnale politico, non per l'atto in sé. Comunque indipendentemente da questo adesso si rischia davvero un downgrade da parte delle agenzie di rating, se lasceranno salire ancora il deficit.

    Inviato dal mio SM-G930F utilizzando Tapatalk
    Ultima modifica di snowaholic; 07/06/2019 alle 09:14

  6. #26176
    Brezza tesa
    Data Registrazione
    24/12/17
    Località
    Roma
    Età
    32
    Messaggi
    657
    Menzionato
    96 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Citazione Originariamente Scritto da SnowBurian Visualizza Messaggio
    Da semi-ignorante vorrei domandare, agli esperti della sezione, cosa dovrebbe fare un governo per regolare i conti?
    Quali manovre dovrebbe attuare il governo italiano per scacciare definitivamente i nostri problemi?
    Indirettamente ho già risposto negli altri post, ma voglio sottolineare due aspetti. Innanzitutto bisogna smettere di dispensare spesa pubblica e riduzione di tasse solo per cercare consenso spicciolo di breve termine, che comunque non dura perché l'economia continua ad andare male.
    Secondo bisogna uscire dalla trappola di bassa crescita in cui ci siamo cacciati mettendo mano a tutte quelle riforme che possono agevolare l'attività di impresa, incluso abbattere la pressione fiscale tramite recupero di evasione. Rendere più efficiente la PA già darebbe un buon contributo.
    Basterebbe iniziare a lavorare in questa direzione per riportare il bilancio pubblico vicino all'equilibrio, anche grazie all'abbattimento dello spread.

    Però serve un governo con una chiara visione strategica, elevate competenze per evitare pastrocchi legislativi e riuscire a superare tutti gli interessi particolari che reclamano risorse e protezione per loro a discapito del resto del Paese, senza capire che se alla mucca non dai da mangiare prima o poi non resta nulla da mungere.


    Inviato dal mio SM-G930F utilizzando Tapatalk
    Ultima modifica di snowaholic; 07/06/2019 alle 10:36

  7. #26177
    Vento forte L'avatar di paxo
    Data Registrazione
    13/11/15
    Località
    Caramanico Terme (PE) 550m.
    Messaggi
    4,297
    Menzionato
    25 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Citazione Originariamente Scritto da snowaholic Visualizza Messaggio
    Ma non è stata una scelta discrezionale da parte loro il deficit alto, si è formato spontaneamente ed era associato a fortissimi squilibri macroeconomici verso l'estero che noi non avevamo (nel caso spagnolo anche allo scoppio della bolla speculativa sugli immobili). Loro hanno solo rallentato la riduzione del deficit, non l'hanno mai aumentato in maniera discrezionale dopo il 2010.

    L'Italia con una gestione un minimo intelligente dell'economia e dei conti pubblici poteva uscirne tranquillamente, un disavanzo del 4% come quello del 2010 non è assolutamente problematico se si tiene conto del ciclo economico. Il disastro successivo è interamente dovuto agli errori fatti dal 2011 in poi sia dai governi italiani sia dalle istituzioni europee.

    Nonostante tutto questo siamo arrivati al 2013 con una situazione più che gestibile e abbiamo buttato via una legislatura, poi abbiamo aggiunto il carico con le follie di questo governo. Non c'era niente di inevitabile, perfino ora non sarebbe così complicato recuperare la situazione, il problema è tutto politico.

    Inviato dal mio SM-G930F utilizzando Tapatalk
    Mi puoi spiegare la prima parte? In che senso si è formato spontaneamente?

  8. #26178
    Tempesta violenta
    Data Registrazione
    12/06/09
    Località
    Roma
    Messaggi
    13,298
    Menzionato
    0 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Citazione Originariamente Scritto da SnowBurian Visualizza Messaggio
    Da semi-ignorante vorrei domandare, agli esperti della sezione, cosa dovrebbe fare un governo per regolare i conti?
    Quali manovre dovrebbe attuare il governo italiano per scacciare definitivamente i nostri problemi?
    Una patrimoniale potrebbe essere una soluzione, dato che i risparmi privati ammontano a 4-5 mila miliardi, il doppio e più del debito pubblico

  9. #26179
    Uragano
    Data Registrazione
    31/01/09
    Località
    Rif:staz.Grazzanise e Latina
    Messaggi
    16,875
    Menzionato
    91 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Citazione Originariamente Scritto da Stefano De C. Visualizza Messaggio
    Una patrimoniale potrebbe essere una soluzione, dato che i risparmi privati ammontano a 4-5 mila miliardi, il doppio e più del debito pubblico
    Avrebbe un effetto chemioterapico su un organismo con un sistema immunitario già depresso. La patrimoniale si farà solo su un'imposizione di una sempre più probabile trojka.
    La"classifica"delle estati italiane dal 1948 al 2009:
    http://picturepush.com/public/2198351

  10. #26180
    Brezza tesa
    Data Registrazione
    24/12/17
    Località
    Roma
    Età
    32
    Messaggi
    657
    Menzionato
    96 Post(s)

    Predefinito Re: Dura salita o "discesa" verso il default?

    Riporto una bella intervista a Monti di ieri, per quanto io sia estremamente critico rispetto alla sua esperienza di governo rimane uno dei commentatori più lucidi che abbiamo (e in parte ha anche riconosciuto gli errori fatti).

    Mario Monti: "L'Italia cosi isolata non cambiera mai l'Europa" | L'HuffPost

    Il passaggio sul programma OMT, che peraltro è identico a quello che avevo scritto ieri, evidenzia quello che secondo me è il principale lascito di quella esperienza di governo.
    Io sono assolutamente convinto che Monti sia stato fondamentale nel costruire il consenso politico per l'intervento di Draghi, probabilmente anche in maniera concordata tra loro. Lo scambio implicito tra fiscal compact e possibilità di intervenire direttamente tramite la BCE per stabilizzare il mercato dei titoli di stato, in maniera condizionata al rispetto delle regole fiscali, ha letteralmente salvato il progetto europeo che stava letteralmente implodendo per la sua inadeguatezza istituzionale e che avrebbe prodotto un disastro politico-economico di dimensioni inimmaginabili. Non sono sicuro che un altro governo sarebbe riuscito a fare lo stesso.

    P.S. @paxo ti rispondo per bene appena riesco a farlo con tutti i dati sotto mano

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •