Pagina 22 di 66 PrimaPrima ... 12202122232432 ... UltimaUltima
Risultati da 211 a 220 di 658
  1. #211
    Comitato Tecnico Scientifico
    Data Registrazione
    02/01/14
    Località
    Palanzano (PR)
    Età
    30
    Messaggi
    1,796
    Menzionato
    15 Post(s)

    Predefinito Re: Rosso fuoco tra Alaska e Siberia ed il nascente VP scenari invernali 2019/20

    Un’altra domanda interessante sarebbe questa: “siamo sicuri di conoscere i meccanismi con cui differentemente oceano e ghiacci influiscono sullo sviluppo del VP?”. La tesi che va per la maggiore è quella che il deficit dei ghiacci artici vada a contrastare la formazione del VP per la minor “disponibilità” di freddo e quindi maggior intrusione di aria calda fin nei pressi del polo geografico e di conseguenza il VP vada a rintanarsi nelle poche zone ricoperte dai ghiacci. Siamo sicuri sia realmente così?
    Rosso fuoco tra Alaska e Siberia ed il nascente VP scenari invernali 2019/20-dac34f41-9eb2-46fe-9f14-eaf3a48f5510.png
    Qui possiamo vedere com’è cambiata la situazione in area polare negli anni successivi alla grande crisi del 2007 rispetto al ventennio 80-00 durante il periodo di sviluppo del VP. Vediamo che i geopotenziali sono aumentati nelle zone in cui resiste maggiormente il ghiaccio e sono invece calati nelle zone periferiche che hanno sofferto di più il deficit e che quindi si sono spesso trovate libere. Mi viene quindi da pensare che le maggiori turbolenze create dalla superficie oceanica rispetto a quella coperta di ghiaccio possa facilitare la formazione delle basse pressioni e che quindi le maggiori difficoltà del VP nel periodo di maturazione derivi da questo “dislocamento” delle vorticità lontano dal polo (che è poi quello che si dice nella tesi dell’amplificazione artica).
    Insomma magari ho scritto un mare di castronerie ma direi che c’è materiale per studiarci su

  2. #212
    Vento moderato L'avatar di GiagiKarl
    Data Registrazione
    04/02/19
    Località
    Gualdo Tadino (PG)
    Età
    15
    Messaggi
    1,334
    Menzionato
    3 Post(s)

    Predefinito Re: Rosso fuoco tra Alaska e Siberia ed il nascente VP scenari invernali 2019/20

    Citazione Originariamente Scritto da cavaz Visualizza Messaggio
    Un’altra domanda interessante sarebbe questa: “siamo sicuri di conoscere i meccanismi con cui differentemente oceano e ghiacci influiscono sullo sviluppo del VP?”. La tesi che va per la maggiore è quella che il deficit dei ghiacci artici vada a contrastare la formazione del VP per la minor “disponibilità” di freddo e quindi maggior intrusione di aria calda fin nei pressi del polo geografico e di conseguenza il VP vada a rintanarsi nelle poche zone ricoperte dai ghiacci. Siamo sicuri sia realmente così?

    Qui possiamo vedere com’è cambiata la situazione in area polare negli anni successivi alla grande crisi del 2007 rispetto al ventennio 80-00 durante il periodo di sviluppo del VP. Vediamo che i geopotenziali sono aumentati nelle zone in cui resiste maggiormente il ghiaccio e sono invece calati nelle zone periferiche che hanno sofferto di più il deficit e che quindi si sono spesso trovate libere. Mi viene quindi da pensare che le maggiori turbolenze create dalla superficie oceanica rispetto a quella coperta di ghiaccio possa facilitare la formazione delle basse pressioni e che quindi le maggiori difficoltà del VP nel periodo di maturazione derivi da questo “dislocamento” delle vorticità lontano dal polo (che è poi quello che si dice nella tesi dell’amplificazione artica).
    Insomma magari ho scritto un mare di castronerie ma direi che c’è materiale per studiarci su
    Non mi espongo perché di queste cose non ne so molto.
    Comunque cosa molto interessante, anche io pensavo che la tesi "più ghiaccio = VP più esteso" fosse vera, però effettivamente anche quest'altra ha un suo perché.
    Bisognerebbe ricercare studi a riguardo
    2012: 31 Gennaio - 15 Febbraio (120 cm) T. minima: -10,9°C
    2017: 5 - 19 Gennaio (40 cm)T. minima: -10,7°C
    2018: 24 - 28 Febbraio (30 cm) T. minima: -11,2°C



  3. #213
    Burrasca L'avatar di Gio83Gavi
    Data Registrazione
    22/09/10
    Località
    San Marino di Bentivoglio (BO)
    Età
    36
    Messaggi
    6,276
    Menzionato
    12 Post(s)

    Predefinito Re: Rosso fuoco tra Alaska e Siberia ed il nascente VP scenari invernali 2019/20

    Citazione Originariamente Scritto da cavaz Visualizza Messaggio
    SC che prosegue spedito, una configurazione che a me personalmente ricorda molto l’anno scorso, temperature, velocità zonali e anomalie GPT che ricalcano in maniera quasi perfetta l’andamento di un anno fa
    Allegato 512294
    Per ora lascerei perdere il valore numerico del NAM, le vorticità in seno al VPS sono ancora troppo acerbe per poter condizionare i piani sottostanti, anche in caso venga superata la soglia critica. Piuttosto mi pare di notare che questo accorpamento riuscirà a far ripartire i flussi di calore. Siamo ancora ben lontani dal poter scegliere la prognosi per l’inverno 2019/20
    Daniele/Alessandro, tralasciando il fatto che siamo ancora all'inizio e quindi un'eventuale SC non dovrebbe condizionare a lungo i piani inferiori è un buon segno che ripartano i flussi di calore giusto? In quanto, se ho capito bene dai vostri interventi sui trend passati del VP, è un segnale che la stratosfera non riesce ad imporsi sui piani troposferici inferiori che reagiscono continuando ad apportare disturbi (si vede dal grafico delle EPV di ECMWF che però non ha ancora aggiornato ).

    Inoltre, mi pare di capire già da queste prime battute, dall'analisi di questi grafici e dai primi vostri commenti come quest'inverno potrebbe essere più vivo del previsto in quanto la troposfera pare piuttosto "agitata" (tripolo atlantico SST da NAO-, PNA piuttosto instabile, anomalie positive di SST più shiftate ad ovest e maggiori ondulazione del FP) e pronta a reagire ad una stratosfera incline ad un raffreddamento progressivo (QBO occidentale, trasporto di ozono non eccessivamente forte al momento).

    Scusate se ho espresso concetti banali ma a volte mi serve anche a me per fare un pò di ordine mentale


    IEMILIAR66 su Weather Underground.
    Nell'avatar: le due torri della mia città...

  4. #214
    Comitato Tecnico Scientifico
    Data Registrazione
    02/01/14
    Località
    Palanzano (PR)
    Età
    30
    Messaggi
    1,796
    Menzionato
    15 Post(s)

    Predefinito Re: Rosso fuoco tra Alaska e Siberia ed il nascente VP scenari invernali 2019/20

    Citazione Originariamente Scritto da Gio83Gavi Visualizza Messaggio
    Daniele/Alessandro, tralasciando il fatto che siamo ancora all'inizio e quindi un'eventuale SC non dovrebbe condizionare a lungo i piani inferiori è un buon segno che ripartano i flussi di calore giusto? In quanto, se ho capito bene dai vostri interventi sui trend passati del VP, è un segnale che la stratosfera non riesce ad imporsi sui piani troposferici inferiori che reagiscono continuando ad apportare disturbi (si vede dal grafico delle EPV di ECMWF che però non ha ancora aggiornato ).

    Inoltre, mi pare di capire già da queste prime battute, dall'analisi di questi grafici e dai primi vostri commenti come quest'inverno potrebbe essere più vivo del previsto in quanto la troposfera pare piuttosto "agitata" (tripolo atlantico SST da NAO-, PNA piuttosto instabile, anomalie positive di SST più shiftate ad ovest e maggiori ondulazione del FP) e pronta a reagire ad una stratosfera incline ad un raffreddamento progressivo (QBO occidentale, trasporto di ozono non eccessivamente forte al momento).

    Scusate se ho espresso concetti banali ma a volte mi serve anche a me per fare un pò di ordine mentale
    Non sono affatto concetti banali Gio . In attesa di Alessandro ti dico come la penso io.
    Per quanto riguarda i flussi di calore è sicuramente positivo che ripartano e direi anche fisiologico dato l’accorpamento del VP. Ora però questi stessi flussi devono mantenersi costanti, senza picchi esagerati e soprattutto il più convergenti possibile altrimenti si rischierebbe l’effetto contrario, con trottola polare che dato il momento angolare accelererebbe ancora di più.
    Sulla seconda parte del messaggio sfondi una porta aperta con me . Siamo ancora agli albori del semestre freddo quindi i discorsi che facciamo sono acerbi e vanno presi con le pinze ma per ora direi che la troposfera e soprattutto il trasporto d’onda mi sembrano ben più reattivi rispetto a molti degli ultimi anni

  5. #215
    Uragano L'avatar di jack9
    Data Registrazione
    12/12/08
    Località
    Seregno (MB)
    Età
    28
    Messaggi
    15,595
    Menzionato
    85 Post(s)

    Predefinito Re: Rosso fuoco tra Alaska e Siberia ed il nascente VP scenari invernali 2019/20

    Citazione Originariamente Scritto da Alessandro1985 Visualizza Messaggio
    sì daniele intendevo verso Bering per ovvi motivi di sst
    comunque è vero
    la distribuzione dei ghiacci negli ultimi due anni è sempre stata molto sbilanciata verso il settore canadese al netto dell'ovvia redistribuzione legata a correnti e ventilazione, nel 2018 era ancora più netta

    Immagine


    Immagine

    i due anni precedenti a raffronto
    Immagine


    Immagine
    se non ricordo male abbiamo avuto, negli ultimi anni, un canadese sempre bello pimpante con anche qualche record di freddo o comunque ricordo delle -40/45 spesso e volentieri... non penso sia un caso

    PS: la situazione ghiacci è davvero impressionante. c'è da mettersi le mani nei capelli e strapparseli, perché anche solo graficamente è un DISASTRO. povero mondo...
    Si vis pacem, para bellum.

  6. #216
    Burrasca forte L'avatar di Marcoan
    Data Registrazione
    02/09/03
    Località
    Portogruaro (VE)
    Messaggi
    8,627
    Menzionato
    73 Post(s)

    Predefinito Re: Rosso fuoco tra Alaska e Siberia ed il nascente VP scenari invernali 2019/20

    Citazione Originariamente Scritto da jack9 Visualizza Messaggio
    se non ricordo male abbiamo avuto, negli ultimi anni, un canadese sempre bello pimpante con anche qualche record di freddo o comunque ricordo delle -40/45 spesso e volentieri... non penso sia un caso

    PS: la situazione ghiacci è davvero impressionante. c'è da mettersi le mani nei capelli e strapparseli, perché anche solo graficamente è un DISASTRO. povero mondo...
    Sulla situazione dei ghiacci artici, attualmente piuttosto disastrosa, non mi fascerei però più di tanto la testa: per quanto riguarda la parte lato Bering che è quella con deficit mostruoso, c'è da dire che le forti vorticità a livello troposferico che si vedono dai gm in quella zona ( minimi molto profondi e tempestosi), probabilmente stanno sfavorendo il recupero , recupero che però una volta che tali vorticità si placheranno potrebbe essere anche estremamente rapido...ovvio che si parte da una situazione molto pesante.

  7. #217
    Uragano L'avatar di jack9
    Data Registrazione
    12/12/08
    Località
    Seregno (MB)
    Età
    28
    Messaggi
    15,595
    Menzionato
    85 Post(s)

    Predefinito Re: Rosso fuoco tra Alaska e Siberia ed il nascente VP scenari invernali 2019/20

    Citazione Originariamente Scritto da Marcoan Visualizza Messaggio
    Sulla situazione dei ghiacci artici, attualmente piuttosto disastrosa, non mi fascerei però più di tanto la testa: per quanto riguarda la parte lato Bering che è quella con deficit mostruoso, c'è da dire che le forti vorticità a livello troposferico che si vedono dai gm in quella zona ( minimi molto profondi e tempestosi), probabilmente stanno sfavorendo il recupero , recupero che però una volta che tali vorticità si placheranno potrebbe essere anche estremamente rapido...ovvio che si parte da una situazione molto pesante.
    sì Marco, io parlavo in generale e non in ottica invernale europea, poco mi importa a tal proposito.
    fermo restando che quanto dici possa essere verissimo, il problema è che anche dovesse recuperare si parlerebbe di ghiaccio poco spesso laddove ci dovrebbero essere i metri. la situazione è disastrosa, senza se e senza ma, siamo vicinissimi ai minimi storici e di espansione e di volume e di qualsiasi parametro.
    detto ciò, prima di riabissarmi, mi incuriosisce tantissimo questa fortissima partenza della stratosfera (non che sia una novità ultimamente) un mese prima del solito, circa. visto e considerato che la soglia NAM è molto probabile che la passeremo, oramai è una sorta di certezza, me la giocherei il più presto possibile. Detta questa stupidaggine, approfondirei molto sulla strato quest'anno, visto anche come è andato lo scorso. penso che la chiave di volta possa essere lì, unitamente ad un altro paio di tasselli...
    Si vis pacem, para bellum.

  8. #218
    Burrasca forte L'avatar di Marcoan
    Data Registrazione
    02/09/03
    Località
    Portogruaro (VE)
    Messaggi
    8,627
    Menzionato
    73 Post(s)

    Predefinito Re: Rosso fuoco tra Alaska e Siberia ed il nascente VP scenari invernali 2019/20

    Citazione Originariamente Scritto da jack9 Visualizza Messaggio
    sì Marco, io parlavo in generale e non in ottica invernale europea, poco mi importa a tal proposito.
    fermo restando che quanto dici possa essere verissimo, il problema è che anche dovesse recuperare si parlerebbe di ghiaccio poco spesso laddove ci dovrebbero essere i metri. la situazione è disastrosa, senza se e senza ma, siamo vicinissimi ai minimi storici e di espansione e di volume e di qualsiasi parametro.
    detto ciò, prima di riabissarmi, mi incuriosisce tantissimo questa fortissima partenza della stratosfera (non che sia una novità ultimamente) un mese prima del solito, circa. visto e considerato che la soglia NAM è molto probabile che la passeremo, oramai è una sorta di certezza, me la giocherei il più presto possibile. Detta questa stupidaggine, approfondirei molto sulla strato quest'anno, visto anche come è andato lo scorso. penso che la chiave di volta possa essere lì, unitamente ad un altro paio di tasselli...
    Si infatti l'ho già scritto anche io che se SC dovrà essere, meglio che sia il più presto possibile...a proposito di strato vi allego questo link in cui si parla di un errore nel modello strato di ecmwf ora corretto: se Dio vuole , forse, si sono accorti delle scarse performance di quello che una volta era il fiore all'occhiello dei gm.

    How to reduce the influence of model bias at the start of forecasts | ECMWF

  9. #219
    Comitato Tecnico Scientifico L'avatar di Alessandro1985
    Data Registrazione
    20/11/15
    Località
    milano
    Età
    34
    Messaggi
    7,832
    Menzionato
    1 Post(s)

    Predefinito Re: Rosso fuoco tra Alaska e Siberia ed il nascente VP scenari invernali 2019/20

    ve la butto lì
    novembre con atlantico basso?

    Rosso fuoco tra Alaska e Siberia ed il nascente VP scenari invernali 2019/20-schermata-2019-10-17-alle-17.52.10.png

  10. #220
    Burrasca forte L'avatar di Marcoan
    Data Registrazione
    02/09/03
    Località
    Portogruaro (VE)
    Messaggi
    8,627
    Menzionato
    73 Post(s)

    Predefinito Re: Rosso fuoco tra Alaska e Siberia ed il nascente VP scenari invernali 2019/20

    Citazione Originariamente Scritto da Alessandro1985 Visualizza Messaggio
    ve la butto lì
    novembre con atlantico basso?

    Rosso fuoco tra Alaska e Siberia ed il nascente VP scenari invernali 2019/20-schermata-2019-10-17-alle-17.52.10.png
    Magari fosse, NAO --

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •